facebook twitter rss

King&Queen beach volley tour,
il bello dell’amarcord
con i campioni del passato

TORNEO - La ventesima edizione della manifestazione organizzata da Fulvio Taffoni alla Iplex arena ha visto specialisti come Heidger, Kjemperud, Raffaelli e Lione tornare in campo a Civitanova
mercoledì 14 Agosto 2019 - Ore 10:21 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
11 Condivisioni

 

Raffaelli, Kjemperud, Heidger e Lione

 

L’evento nell’evento. Il King of Heroes è stata la manifestazione amarcord all’Offertevillaggi.com King&Queen beach volley tour che si è svolta domenica alla Iplex beach arena nella Spiaggia delle Corone a Civitanova. Tra le due finali che avrebbero poi decretato Ficosecco e Breidenbach King & Queen 2019 si è svolto il King of Heroes una partita esibizione con gli atleti che c’erano la prima edizione del 2000 quando iniziò l’avventura del King of the beach. Allora Fulvio Taffoni ha “pensato” di far ritornare a Civitanova, dopo 20 anni, il primo Re della Spiaggia l’americano Robert Heidger, il norvegese Jorre Andrè Kjemperud, poi il primo Re italiano, l’olimpionico di Sidney Andrea Raffaelli e un altro atleta di prestigio come Riccardo Lione che ha rappresentato l’Italia alle olimpiadi di Pechino.

E’stata una bella iniziativa con gli atleti stranieri hanno accettato subito l’invito. Per la cronaca sportiva si è giocato un solo set vinto dalla coppia italo norvegese Raffaelli- Kjemperud sugli italo americani Lione-Heidger. Gli ex campioni poi per tutta la giornata si sono messi a disposizione del grande pubblico di Civitanova per tantissime fotografie. Alcuni appassionati si sono presentati alla Iplex beach arena con delle foto scattate nel 2000 e se le sono fatte autografare. «C’era l’idea di invitare i primi protagonisti del King of the beach, commenta Fulvio Taffoni, – sono rimasto piacevolmente sorpreso e molto contento dell’entusiasmo che hanno manifestato tutti e quattro gli invitati. E’ stata una bella giornata ritrovare e vedere in campo i campioni che hanno partecipato e vinto la prima edizione del King of the beach». Oltre agli atleti che parteciparono alla prima edizione del 2000 Taffoni ha invitato alla finale molti dei collaboratori che parteciparono a quella edizione e durante la”chiamata” dello speaker all’ingresso in campo qualcuno di loro si è commosso. Ora un meritato riposo e poi si ritornerà al lavoro per l’edizione 2020.

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X