facebook twitter rss

Dramma in bici,
ciclista muore dopo un malore

CORRIDONIA - La tragedia è avvenuta a Colbuccaro intorno alle 8,30. Vittima un 59enne, Alberto Ferri, che viveva a Piediripa di Macerata. Era in giro con un amico quando si è sentito male e ha deciso di far ritorno a casa
domenica 11 Agosto 2019 - Ore 09:33 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
540 Condivisioni

Carabinieri e ambulanza sul posto dove è morto Alberto Ferri

 

di Gianluca Ginella e Francesca Marsili

Va a fare un giro in bici, muore a 59 anni per un malore. Un dramma che si è consumato a Colbuccaro di Corridonia questa mattina intorno alle 8,30. L’uomo, Alberto Ferri, che viveva a Piediripa di Macerata, era uscito con un amico e poi, sentendo un dolore al petto, aveva deciso di far rientro a casa dove però non è mai arrivato.

Alberto Ferri

La sua passione era la bici e così questa mattina Alberto Ferri aveva indossato caschetto e divisa sportiva per poi incontrarsi con un amico e andare a fare un giro. I due ciclisti hanno raggiunto Colbuccaro di Corridonia intorno alle 8,30. Una volta lì però Ferri ha accusato un malore. Un dolore al petto, tanto che ha detto all’amico: «Torno a casa». Lo ha salutato e, girata la bici, si è diretto lungo la provinciale in direzione di Piediripa. Mentre pedalava, giunto all’altezza del bar Apollo 17, a Colbuccaro, si è sentito male. Un malore improvviso, forse un infarto e si è accasciato. Qualcuno si è accorto dell’accaduto e ha subito chiamato i soccorsi. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118 che hanno cercato di rianimare il 59enne. Nonostante i tentativi di farlo riprendere, non c’è stato niente da fare e alle 9 Ferri è morto. Sul posto per gli accertamenti sono intervenuti i carabinieri. I famigliari sono stati contattati e sul posto è arrivato uno dei due figli, Matteo (Ferri ha anche una figlia, Marilia). È possibile verrà disposto un accertamento medico legale per chiarire le cause del malore improvviso.

Ferri era il cognato del presidente della Pro loco di Piediripa, Romualdo Rapanelli. «Sono molto addolorato per quello che è accaduto, mi hanno contattato mentre stavo andando ad una iniziativa della Pro loco e sono subito rientrato».

(Ultimo aggiornamento alle 13,15)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X