facebook twitter rss

Razzismo quotidiano e istituzionale,
quaranta studiosi a confronto

FATTI DI MACERATA - Ha preso il via oggi il convegno organizzato a Unimc. Il rettore Adornato ha fatto riferimento al raid razzista di Traini: «Sovraesposizione nel dibattito pubblico del nesso “immigrazione-criminalità-razzismo”, sia da parte di chi ha condannato e condanna l’accaduto, sia da parte di chi ne ha più o meno apertamente giustificato e ancora ne giustifica le ragioni»
mercoledì 12 Giugno 2019 - Ore 19:00 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
24 Condivisioni

 

 

Quaranta tra docenti, studiosi, ricercatori, studenti ma anche operatori del settore per confrontarsi sul nesso “immigrazione-razzismi-convivenza”. Ha preso il via oggi il convegno “Le metamorfosi dei razzismi. Discriminazioni istituzionali, linguaggi pubblici e senso comune” organizzato dall’Università di Macerata in collaborazione con la Società italiana di antropologia culturale – Siac e l’Università per la pace.

Scopo essenziale è disarticolare il nesso “immigrazione-criminalità-razzismo”, per provare a decifrare il processo di crescente e pervasiva normalizzazione del razzismo quotidiano e di quello ‘istituzionale’ nel cuore dell’Europa. Nelle due giornate di lavoro si discuterà di razzismo e antirazzismo, città, lavoro, sanità, scuola, media, discriminazioni istituzionali e politiche pubbliche, memorie dei razzismi e sguardi che razzializzano.

Come ha sottolineato anche il rettore Francesco Adornato all’apertura dei lavori,« i “fatti” di Macerata, culminati nell’aggressione razzista del 3 febbraio 2018, hanno contribuito a ridisegnare il panorama politico-istituzionale nazionale e veicolato la sovraesposizione nel dibattito pubblico del nesso “immigrazione-criminalità-razzismo”, sia da parte di chi ha condannato e condanna l’accaduto, sia da parte di chi ne ha più o meno apertamente giustificato e ancora ne giustifica le ragioni. L’università- ha aggiunto il Rettore –  ha mostrato determinazione, fermezza e sobrietà anche davanti all’esaperazione mediatica, alla crudeltà e alla strumentalizzazione politica».

Le due giornate di confronto – ha spiegato Paola Persano, storica del pensiero politico e componente del comitato scientifico – sono l’esito ultimo ma non finale di un confronto e di uno sforzo progettuale avviato da un anno a questa parte da un gruppo di docenti di Unimc – in dialogo con colleghe e colleghi di altre università e con numerose realtà sociali coinvolte – intorno ai fenomeni migratori contemporanei e al loro impatto sui meccanismi di integrazione economica e sociale, culturale e politica, nonché sulle forme dell’appartenenza collettiva, sui linguaggi pubblici e le rappresentazioni diffuse, e sul volto complessivo delle istituzioni giuridiche e politiche del nostro Paese, oggi e nella sua storia più recente.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X