facebook twitter rss

Telecamere in Consiglio, il sindaco:
«Bene ma siamo sempre stati trasparenti»

APPIGNANO - Dopo la richiesta di Luca Buldorini che si è accollato le spese della prima seduta, Mariano Calamita precisa: «Le riprese video saranno disciplinate, nei prossimi giorno una mia proposta»
lunedì 10 Giugno 2019 - Ore 11:13 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
74 Condivisioni

Mariano Calamita

 

Ad Appignano il consiglio comunale sarà ripreso in video. Dopo la richiesta fatta dal consigliere di opposizione, candidato sindaco sconfitto, Luca Buldorini che si è accollato le spese relative alla prima seduta, il sindaco Mariano Calamita precisa che ha proposto all’assemblea di dotarsi di un regolamento per disciplinare la materia. Il primo cittadino risponde all’articolo di Cronache Maceratesi in cui Luca Buldorini annuncia la novità con alcune precisazioni:  «La richiesta di fare una ripresa del primo consiglio comunale – scrive Calamita – che si è svolta il  7 giugno scorso è stata presentata dal consigliere nella mattinata del medesimo giorno. Pur non essendo all’ordine del giorno e pur non esistendo in merito alcun regolamento comunale che disciplini le riprese, la stessa è stata accolta senza alcun problema, questo perché il testo unico degli enti locali (Tuel) lascia facoltà al presidente del consiglio, in questo caso il sindaco, di valutare caso per caso e come sopra detto, dopo avere stabilito le modalità, l’autorizzazione e stata concessa con le indicazioni fornite dal Tuel medesimo. È chiaro che i relativi costi non potevano che stare a carico dello stesso consigliere richiedente, come peraltro deducibile dalla richiesta, e non a carico della comunità. Nel dare l’autorizzazione alle riprese video, come sindaco ho altresì proposto all’intero Consiglio, di dotarsi di un regolamento comunale che disciplini le riprese dei Consigli Comunali per la diffusione dei medesimi. Nei prossimi giorni invierò ai capogruppi una base di regolamento sull’argomento in questione da condividere insieme».

Sulla trasparenza invocata da capogruppo di opposizione il sindaco specifica: «I consigli comunali che si sono svolti fino ad oggi sono stati pubblici, aperti a chiunque e pertanto tutto ciò che in essi è stato fatto e deciso è sempre stato alla portata di tutti e tutti avrebbero potuto liberamente sentire e vedere tutto. Le riprese video non c’erano, ma i consigli comunali sono registrati in audio e la relativa trascrizione su carta viene allegata alla delibera di consiglio comunale, caricata sul portale web del comune di Appignano e disponibile da scaricare nell’ottica del principio generale di “amministrazione trasparente”.  Come già detto sempre nel medesimo consiglio comunale dello scorso 7 giugno, mi auguro che l’opposizione sia costruttiva e propositiva di soluzioni che riguardino l’interesse generale».

Riprese video del consiglio comunale, candidato non eletto si accolla le spese



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X