facebook twitter rss

Torna in Siria l’icona
benedetta a Macerata

INCONTRO - La copia della “Cena mistica” è stata realizzata dalla maceratese Sandra Carassai. Martedì 28 maggio a Palazzo Sarnari una storia di fede e solidarietà nel dramma della guerra
domenica 26 Maggio 2019 - Ore 10:14 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
27 Condivisioni

La città di Maalula

 

Nella terra della conversione di San Paolo, l’apostolo al quale si deve l’avvio dell’evangelizzazione dell’Occidente, la tragedia della guerra civile fa vittime umane e culturali. La città siriana di Maalula è l’unica al mondo in cui si parli ancora correntemente l’aramaico, la lingua di Gesù, prima di venire travolta dalla guerra ci vivevano 5mila siriani, in grande maggioranza cristiani (greco-cattolici e greco-ortodossi). La Siria stessa è la terra nella quale fu per la prima volta usato il termine “cristiano”.  Una terra che richiama al fondamento storico della fede cristiana. I jihadisti hanno devastato Maalula e distrutto o sottratto molte icone. Una copia dell’icona della “Cena mistica”, da loro trafugata nel 2014,  è stata fatta realizzare grazie alla collaborazione tra la Ong Perigeo, l’Istituto Zaccaria dei Padri Barnabiti di Milano e il Centro d’Ateneo per la solidarietà internazionale (Cesi) dell’Università cattolica del Sacro Cuore. L’icona, realizzata dall’iconografa maceratese Sandra Carassai, è stata ricollocata in Siria sull’antico altare il 13 gennaio scorso, dopo essere stata benedetta il 5 gennaio dal vescovo di Macerata Nazzareno Marconi, nella Basilica della Misericordia. La storia dell’icona di Maalula e i tanti significati che l’immagine coinvolge saranno oggetto dell’incontro «Cena mistica – un’icona rinata per la Chiesa in Siria» che si svolgerà martedì 28 maggio nella sala Li Ma Dou di Palazzo Sarnari (piazza Strambi 3 – Macerata), con inizio alle 18. Vi prenderanno parte Nazzareno Marconi, vescovo di Macerata, Sandra Carassai, iconografa, Samaan Daoud, siriano, responsabile di Perigeo Siria. Coordinerà l’incontro il giornalista Piero Chinellato, direttore di EmmeTv.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X