facebook twitter rss

Matrimonio in solidarietà:
al posto delle bomboniere
libri per i bambini del sisma

MACERATA - Emiliano Baldoni, infermiere del pronto soccorso e Sabrina Marcolini, grafica pubblicitaria, al posto del tradizionale ricordo hanno preferito regalare del materiale alla scuola Ciarlantini di San Ginesio, duramente colpita dal terremoto. La coppia: «E' un gesto semplice verso chi ha bisogno, speriamo che altri possano trovare ispirazione da questa nostra iniziativa»
sabato 25 Maggio 2019 - Ore 17:39 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
690 Condivisioni

I libri donati alla scuola dalla coppia

di Marco Ribechi

Si sposano ma niente bomboniere per gli invitati, i soldi li usano per aiutare i bambini terremotati. Hanno deciso di celebrare il loro giorno di felicità con un gesto semplice ma di grande valore sociale. Emiliano Baldoni, maceratese di 36 anni, di professione infermiere al pronto soccorso di Macerata e Sabrina Marcolini, grafica pubblicitaria anche lei maceratese classe 1983, oggi sposi nella chiesa Santa Maria delle Vergini hanno preferito rinunciare al tradizionale ricordo del matrimonio per regalare un sorriso agli alunni della scuola Ciarlantini di San Ginesio, parte dell’istituto comprensivo Tortoreto. «Abbiamo saputo che questa scuola vive una situazione di grande emergenza dopo il terremoto – spiega lo sposo – quindi immediatamente abbiamo pensato che potevamo utilizzare i soldi previsti per le bomboniere per uno scopo più importante».

Elisa Zippilli di Bibidi Bobidi Book

Grazie a dei contatti con l’istituto è stata presa la decisione di acquistare dei libri per aggiungere altro materiale nell’aula didattica. «Abbiamo scelto i libri nella libreria Bibidi Bobidi Book in corso Matteotti perchè siamo legati da un’amicizia con le proprietarie Elisa Zippilli e Eleonora Splendiani – prosegue Baldoni – grazie alla loro consulenza abbiamo acquistato del materiale specifico. La situazione della scuola di San Ginesio dopo il terremoto è veramente complessa, mentre altri comuni e istituti hanno usufruito di ricostruzioni e di aiuti qui i bambini sono rimasti con poche cose, il nostro gesto non è niente di straordinario ma potrebbe essere di ispirazione a chi come noi sta per sposarsi e vuole investire il proprio denaro in qualcosa di più utile e duraturo». Il matrimonio è stato celebrato nel Santuario delle Vergini a Macerata, anch’esso danneggiato dal sisma, in una tensostruttura adiacente l’edificio. Per la gioia dei fedeli più adulti è tornato per l’occasione Padre Gino, attualmente a Pianella in provincia di Pescara. «Padre Gino è il sacerdote di famiglia – spiega Sabrina Marcolini – oltre 30 anni fa ha celebrato il matrimonio dei miei genitori e anche il 25esimo anniversario. Inoltre ha battezzato, comunicato e cresimato e sposato mio fratello quindi per continuare la tradizione gli abbiamo chiesto di ritornare per un giorno a farci visita».

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X