Indagini sulla morte di Tamara,
un amico ringrazia i poliziotti:
donate colombe pasquali

MACERATA - Il giovane si è congratulato con gli agenti della sezione Antidroga della Squadra mobile che hanno scoperto chi aveva ceduto droga alla 28enne morta di overdose. Anni fa era stato aiutato nel percorso per uscire dal mondo della droga e da poco è uscito da San Patrignano
- caricamento letture
squadra-mobile

L’amico di Tamara con i poliziotti della sezione antidroga al momento della consegna delle colombe pasquali

 

Conosceva Tamara Giorgetti, la 28enne maceratese morta di overdose lo scorso luglio, e ha voluto ringraziare gli agenti della Squadra mobile di Macerata per aver arrestato le persone sospettate di aver venduto la droga alla ragazza. Questa mattina un giovane maceratese, che ha pure lui avuto problemi con la droga, appena uscito dalla comunità di San Patrignano, è andato in questura.

tamara-giorgetti

Tamara Giorgetti

Con sé aveva delle colombe pasquali. Il giovane nei giorni scorsi ha letto che tre persone sono state arrestate dalla Squadra mobile nel corso di indagini nate dalla morte di Tamara. Così oggi ha deciso di ringraziare il personale della Squadra mobile di Macerata, diretta dal commissario capo Maria Raffaella Abbate. Il giovane è andato negli uffici della sezione Antidroga della Mobile e ha consegnato le colombe pasquali realizzate proprio nella comunità di San Patrignano. Per lui è stata occasione anche per un ringraziamento più personale verso chi lo ha convinto ad entrare nella comunità di San Patrignano per superare i problemi della droga e cominciare una vita diversa. Ha voluto ringraziare le istituzioni e le forze dell’ordine per tutto quello che stanno facendo.

4-1-650x433

Il procuratore Giovanni Giorgio insieme al questore Antonio Pignataro e al commissario capo Maria Raffaella Abbate illustra i risultati dell’indagine nata dalla morte di Tamara

Le indagini per la morte di Tamara, trovata senza vita nella sua casa in centro a Macerata il primo luglio dello scorso anno, giovedì hanno portato all’arresto di un marocchino che vive a Porto Recanati, Abdel Monumain Safhi, 47 anni, nella cui casa sono state rinvenute anche 8 dosi di cocaina che aveva gettato nel water (e recuperato dagli uomini della Mobile che hanno smontato il sanitario) e 9.750 euro contanti. Oltre a lui sono stati arrestati due nigeriani: Aaron Eremeuno, già estradato dalla Germania nell’ambito di una indagine dei carabinieri, e Cosmas Ehiedu, 24 anni, che la procura ritiene spacciasse eroina a Macerata. Altre due persone sono ricercate. Nel complesso gli investigatori ritengono che gli indagati fossero coinvolti in un consistente giro di spaccio di eroina e cocaina, con circa 700 cessioni di droga accertate.

Morte per overdose di Tamara Giorgetti, arrestati tre uomini



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X