facebook twitter rss

Droga e armi nel casolare,
arrestato un 58enne

MORROVALLE - Blitz dei carabinieri in contrada Ramaticci: trovati quattro fucili, tra cui un canne mozze e un altro realizzato artigianalmente e 189 cartucce di vario calibro. In parte erano nascoste sottoterra. Sequestrati anche cinque grammi di cocaina e altrettanti di marijuana
sabato 6 Aprile 2019 - Ore 11:36 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
9K Condivisioni

Il materiale sequestrato

 

Quattro fucili, tra cui un canne mozze e uno realizzato artigianalmente e 189 cartucce di vario calibro. Un piccolo arsenale, in parte nascosto anche sottoterra. E poi droga e materiale per il confezionamento. E’ quanto hanno trovato i carabinieri in un casolare di campagna, in contrada Ramaticci, a Morrovalle. Arrestato Gianni Mascia, 58 anni, di origini sarde, per possesso di armi clandestine.

Da sinistra: il capitano Giacomo De Carlini, il colonnello Michele Roberti e il sottotenente Giuseppe Losito

L’uomo è stato anche denunciato per spaccio e per detenzione abusiva di armi da fuoco. L’operazione porta la firma dei carabinieri della Compagnia di Tolentino diretta dal capitano Giacomo De Carlini, in particolare dei militari del Norm, guidati dal sottotenente Giuseppe Losito. Il blitz è scattato ieri, 14 i militari in azione, con il supporto anche dell’unità cinofila della Finanza di Civitanova e quindi dei due cani antidroga Edir e Charlies. L’indagine infatti era partita proprio nell’ambito del mondo dello spaccio, con un collegamento che dalla costa arriva fino all’entroterra. E’ così che i militari sono arrivati nel casolare di Mascia. Dall’alba fino al pomeriggio di ieri i carabinieri hanno passato al setaccio tutta l’area: l’abitazione, il cortile intorno e i vari accessori presenti. Ed è così che è saltato fuori il piccolo arsenale: quattro fucili non dichiarati, tra cui appunto un canne mozze e uno fatto in casa (arma che ha portato all’arresto in flagranza di reato), oltre alle munizioni. In più sono stati trovati anche cinque grammi di cocaina e altrettanti di marijuana, più bilancini e materiale per il confezionamento delle dosi. Le armi sequestrate saranno inviate al Ris, per verificare se siano state utilizzate per commettere qualche altro tipo di reato. Mentre Mascia è stato trasferito nel carcere di Montacuto, in attesa dell’udienza di convalida fissata per lunedì mattina. E’ difeso dall’avvocato Francesco Acquaroli e si è dichiarato estraneo al possesso di armi, in pratica ha detto che non erano le sue e che non ne sapeva niente. Per quanto riguarda la droga ha ammesso il possesso per uso personale. Dall’inizio dell’anno i carabinieri del comando provinciale, guidato dal colonnello Michele Roberti, hanno sequestrato oltre 4 chili di cocaina, 2 kg circa di marijuana, 800 grammi di hashish e oltre 600 di eroina.

(aggiornamento delle 14)

 

 

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X