facebook twitter rss

Militare morto in moto,
la lettera della fidanzata:
«Ti sposo, abbi cura della mia vita»

MONTELUPONE - Oltre 300 le persone che hanno detto addio oggi al caporale Lorenzo Di Fonso che ha perso la vita sabato in Corsica. Commoventi le parole di Alice che ha letto le sue promesse matrimoniali: «Ogni volta che soffierà il vento vedrò il tuo viso, sentirò il tuo profumo in primavera». La sorella Alessia: «Sei il nostro sole, non spegnere mai il tuo sorriso»
giovedì 28 Marzo 2019 - Ore 13:53 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
4K Condivisioni

 

Militari della Legione straniera portanio fuori dalla chiesa il feretro

 

«Momo ti sposo, abbi cura della mia vita». Una lettera, quella di Alice, la fidanzata di Lorenzo Di Fonso, il militare morto in Corsica, che ha commosso la chiesa di San Firmano a Montelupone dove questa mattina si è svolto il funerale del 27enne che ha perso la vita in un incidente in moto sabato sera. Oltre 300 le persone che hanno dato l’ultimo saluto al giovane, che faceva parte della Legione straniera con il grado di caporale. In tanti sono stati costretti ad assistere alla funzione sul sagrato. Commovente la lettera della fidanzata Alice che è stata letta in chiesa da un amico di Lorenzo.

Lorenzo Di Fonso

«Il dolore mi trafigge allo stomaco, ho un nodo alla gola ogni volta che sento il tuo nome – dice la lettera della fidanzata –. Per affrontare la vita ho iniziato ad immaginarti al mio fianco in ogni passo che muovo. Con te ho cercato di concludere tutti i progetti insieme, e il primo è che ti ho sposato, Momo. Ti ho messo l’anello al dito, ma avevi gli occhi chiusi e le promesse te le leggerò io. Sentirò le tue carezze ogni volta che il vento sfiorerà il mio viso, piangerò con te ad ogni goccia di pioggia che mi bagnerà, vedrò il tuo sorriso ogni volta che sorriderò, sentirò il tuo profumo ogni volta a primavera, sentirò tua voce in ogni canzone e rumore, rivedrò tuoi occhi in ogni stella, parlerò con te e di te al mondo e di a quanto amore sei. Ti prometto con questo anello che ti troverò ogni giorno ovunque tu sia. Sì, Momo, lo voglio e ora ti lascerò andare. Grazie per quanta vita mi hai donato senza averne chiesto indietro mai. Abbi cura della mia vita, perché a te ora appartiene la parte migliore di me. Tua beduina». Un altro ricordo lo ha lasciato la sorella Alessia (Lorenzo aveva anche un fratello, Dennis): «Ciao Lo, ci sarebbero da dirti tante parole. Non ci sei più fisicamente ma sappiamo che noi 5 (lei, il fratello e i genitori, ndr) saremo sempre uniti per l’eternità. Dà forza a me, a Denni, e mamma e papà. Questa famiglia non ti abbandonerà mai, resterai sempre nei nostri cuori e pensieri. Ti amiamo, sei il nostro sole, non spegnere mai il tuo sorriso che ti ha sempre caratterizzato». «Eri innamorato di un sogno – ha detto un amico –, quello della moto, lo stesso sogno che sabato ti ha strappato a questa vita. Oggi, Lori, il cielo deve accogliere l’angelo migliore che potesse avere. Sei e sarai sempre il nostro sole. Fai buon viaggio caporale». Il feretro di Lorenzo è stato poi portato fuori dalla chiesa dai commilitoni della Legione straniera, in divisa.

(Foto Federico De Marco)

Schianto con la moto in Corsica, muore giovane militare di Montelupone



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X