facebook twitter rss

Addio a Luigi Panata,
il medico missionario dei bambini ciechi

LUTTO - Il 70enne era originario di Passo Treia, per il suo impegno era stato premiato lo scorso anno dal presidente Sergio Mattarella
sabato 23 Marzo 2019 - Ore 10:53 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
3K Condivisioni

 

E’ morto per una malattia Luigi Panata, medico originario di Passo Treia impegnato in Africa in numerose missioni e residente a Gubbio dove esercitava la sua professione. Circa 15 anni fa aveva fondato l’associazione “L’impegno onlus” che si occupa di vaccinare e operare agli occhi i bambini ciechi del Burkina Faso. L’ospedale in cui operava è diventato famoso ed è un punto di riferimento per molti paesi africani. I piccoli pazienti arrivavano anche dal Gabon. L’ultimo suo viaggio in Africa risale ad un mese fa quando già ammalato si era comunque voluto recare dai suoi piccoli pazienti. Lo scorso anno era stato premiato dal presidente Mattarella per il suo impegno. Aveva anche costruito nove pozzi per l’acqua e era molto amato dalla comunità del Burkina Faso. Lascia la moglie e tre figli, oltre ai fratelli Francesco, farmacista a Passo di Treia, Anna e Giovanni. I funerali ci saranno domani 24 marzo alle 15 alla chiesa di Semonte (frazione di Gubbio). 

Il medico umbro è  stato nominato Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana “per la sua preziosa opera volontaria di soccorso medico e umanitario offerta da molti anni in Burkina Faso”. Con l’associazione ‘L’Impegno Onlus’  ha curato missioni per rispondere alle necessità primarie della popolazione dello stato africano: dal diritto allo studio dei bambini, alla donazione di materiali e alimenti, alla realizzazione di pozzi per l’acqua.  Ogni anno in Burkina Faso una equipe di specialisti  effettua  gratuitamente visite e operazioni chirurgiche di natura oculistica a favore di bambini, adulti e anziani.

(g.c.)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X