facebook twitter rss

“Uno spazio per crescere”,
il dono degli imprenditori
ai bambini di Camerino

SISMA - Raccolti 150mila euro per la realizzazione del progetto. Ieri mattina la firma della convenzione
martedì 5 Marzo 2019 - Ore 10:33 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
2K Condivisioni

 

La presentazione del progetto

di Monia Orazi

Diventerà finalmente realtà il progetto “Uno spazio per crescere”, la costruzione delle “Aule di Raffaello”, 150 metri di spazio didattico per i più piccoli, che saranno realizzate vicino al polo scolastico a San Paolo. Il progetto è stato portato avanti con impegno dall’associazione Raffaello dell’infaticabile Nazzarena Barboni e nato dall’idea di due mamme, Laura Soverchia e Gisella Claudi. Ieri mattina in Comune, l’atto formale di firma della convenzione, che permetterà di donare all’ente i 150mila euro raccolti, a cui si è unita la grande generosità degli imprenditori Francesca Macina e Salvatore Forte, legati a Camerino per essere stati sino a 25 anni fa corrispondente giornalistica e comandante della locale Compagnia dei carabinieri, uniti insieme alla famiglia in un’importante realtà imprenditoriale sul fronte della sicurezza, in Veneto. Insieme a loro, al tavolo dei benefattori Sandro Parcaroli, che a Camerino, oltre ad essere nato, ha mosso i primi passi che lo hanno portato a diventare un imprenditore di successo. Agli intenti di questo gruppo si è unita l’opera volontaria di Vincenzo Tedesco, che oltre ad essere direttore generale Unicam è consigliere della fondazione Area, che ha dato supporto per gli aspetti tecnici e organizzativi, al progetto realizzato dall’architetto Corrado Gamberoni. Presenti alla firma anche il sindaco Gianluca Pasqui, il nuovo presidente del consiglio di istituto Fabio Sargenti, il preside Maurizio Cavallaro, il presidente di “Amare la Calabria” Francesco Comberiati, i donatori. «Sono onorata di essere stata scelta per questo progetto – ha detto Nazzarena Barboni dell’associazione Raffaello – che va ad aiutare i bambini, grazie per aver raggiunto questo obiettivo, se tra qualche mese riusciremo a costruire le aule di Raffaello è grazie alla sinergia di tutti». Grande emozione per l’ex presidente del consiglio di istituto Gisella Claudi: «Abbiamo lavorato in silenzio, ma con lo sguardo e la solidarietà di tante persone, la stretta di mano e l’abbraccio di tanta gente ed i bambini che hanno fatto tanti sacrifici per questo. Il nostro sogno si realizzerà quando la vedremo costruita, però oggi sono contenta e abbraccio tutti coloro che ci sono stati vicini e ci hanno aiutato con gesti concreti». Per Francesca Macina un momento di grande soddisfazione: «Da imprenditrice sono abituata ad allocare risorse ed i progetti si realizzano se ci si mette coraggio, questo è il primo passo per un progetto meraviglioso, da tre anni stiamo sudando per svincolarci da lacci e laccetti, mio figlio qui a Camerino ha frequentato la Ugo Betti, non vi mollo finchè non vedo il progetto realizzato, è ora di concretizzare». Gli ha fatto eco Sandro Parcaroli: «Sono nato a Camerino e l’ho vista nel pieno del suo fulgore, quando mi hanno parlato di questo progetto ci siamo messi in gioco, mettendo all’asta a Roma dieci nostri Ipad autografati da attori, anche internazionali, per poter raccogliere una cifra consistente. I fondi li abbiamo donati due anni fa, ora mettiamo la prima pietra è una bella cosa. Camerino deve rinascere, un imprenditore è difficile che si impegni in politica, perchè vuole fare domani, non dopodomani». Il direttore generale Unicam Vincenzo Tedesco a nome della fondazione Area ha spiegato che questo progetto «rientra nei nostri obiettivi, il sostegno nell’ambito sociale. Nell’ambito della fondazione ci impegniamo tutti gratuitamente, ci sono stati momenti complessi nel mettere insieme differenti sensibilità, questo è un modello da esportare, per la sinergia tra associazioni, privati ed ente pubblico». Le prossime fasi del progetto possono essere seguite sul sito www.unospaziopercrescere.it.

 

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X