facebook twitter rss

Choc al bar del tribunale,
avvocato colpito da arresto cardiaco

MACERATA - Bruno Pettinari, legale tra l'altro di nonna Peppina, si è sentito male questa mattina. Una collega e un carabiniere gli hanno fatto il massaggio cardiaco, poi gli operatori del 118 lo hanno rianimato. E' stato portato in ospedale e operato. E' ricoverato al reparto di Terapia intensiva cardiologica
martedì 15 Gennaio 2019 - Ore 11:35 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
228 Condivisioni

Il bar del tribunale di Macerata

 

SERVIZIO AGGIORNATO ALLE 19,30 – L’operazione cui è stato sottoposto l’avvocato Pettinari è riuscita e fonti mediche chiariscono che le condizioni del legale da un punto di vista cardiocircolatorio sono stazionarie. Ci vorranno comunque altre 24 o 48 ore per capire se vi siano state conseguenze sul fisico dell’avvocato 64enne legate all’arresto cardiaco.

***

di Gianluca Ginella

Avvocato ha un arresto cardiaco mentre si trova al bar del tribunale di Macerata, rianimato è stato portato in ospedale e operato. È successo alle 9,45 circa di questa mattina. È allora che l’avvocato Bruno Pettinari, 64 anni, di Camerino si trovava al bar del tribunale. Poco prima aveva fatto udienza davanti al collegio, finita questa era andato al bar. Lì ha scambiato due chiacchiere con un collega, gli ha offerto un caffè, ha preso una pasta e delle caramelle e ha pagato. Subito dopo si è accasciato a terra, di fronte al bancone del bar. Un infarto, probabilmente. I soccorsi sono stati immediati e decisivi.

Bruno Pettinari

I primi a praticare un massaggio cardiaco al legale sono stati l’avvocato Simona Nasso, che pure lei si trovava al bar, e un carabiniere del Nucleo ispettorato del lavoro di Macerata che era in tribunale per fare una testimonianza. Il militare ha seguito un corso di primo soccorso. Tempestivo anche l’intervento degli operatori del 118 che con il defibrillatore hanno rianimato Pettinari. Una scena choc, con il bar che è stato chiuso mentre all’interno per circa 45 minuti gli operatori hanno cercato di rianimare l’avvocato. Gli operatori dell’emergenza sono riusciti a rianimare il legale che poi è stato portato in ospedale, a Macerata, ed è stato operato in emodinamica. Successivamente è stato ricoverato al reparto di Terapia intensiva cardiologica.

Il legale è molto conosciuto: è l’avvocato della famiglia di Giuseppa Fattori, da tutti conosciuta come Peppina, la 95enne di Fiastra che aveva dovuto lasciare la sua casetta. Una vicenda che aveva fatto il giro d’Italia. Inoltre Pettinari era stato candidato alle ultime elezioni politiche con Liberi e Uguali.

Qualcuno questa mattina lamentava che non ci fosse un defibrillatore. Ma in tribunale non c’è nessun obbligo di averlo in dotazione. «Però, sulla base di questo evento considero la possibilità di verificare l’adottabilità di uno strumento. Occorre però che ci sia personale addestrato all’utilizzo» dice il presidente del tribunale, Gianfranco Coccioli.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X