facebook twitter rss

Pezzanesi e Sciapichetti
d’accordo su acquisto dei container
«Servizi sicurezza a Pars e Axitea»

TOLENTINO - Il primo cittadino ha detto, nel corso della trasmissione Agorà, che dal 12 gennaio saranno affidati i servizi di segreteria e controllo. Per comprare i container ora è caccia ai fondi. Critico il Comitato 30 ottobre
venerdì 11 Gennaio 2019 - Ore 17:49 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Giuseppe Pezzanesi, l’assessore regionale Angelo Sciapichetti e l’assessore Gianfranco Ruffini in diretta su Rai tre

Questione container, il sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi, ha annunciato che per la vigilanza, in sostituzione della Protezione civile, i servizi verranno affidati a Pars e Axitea. Ha inoltre annunciato, insieme all’assessore Angelo Sciapichetti, di essere d’accordo con l’acquisto dei container. Dichiarazioni fatte dal primo cittadino nel corso di una diretta su Rai tre. Con lui insieme all’ingegnere Gianfranco Ruffini c’era l’assessore regionale alla Protezione civile e sisma, Angelo Sciapichetti. Sono stati ospiti del programma Agorà.

Il sindaco Pezzanesi ha annunciato che da sabato 12 il servizio di segreteria e controllo sarà affidato alla Pars e all’Axitea sempre con la supervisione degli uffici comunali preposti. L’assessore Sciapichetti e il sindaco si sono detti d’accordo sull’acquisto dei container, trovando le risorse necessarie, per poter garantire l’ospitalità a quanti ancora si trovano ad essere senza una casa a causa del sisma. Infine il primo cittadino ha chiesto al ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli, presente in studio, un alleggerimento delle norme burocratiche per poter avviare un tempi più celeri la ricostruzione, superando anche quelli che sono le piccole difformità urbanistiche, come tra l’altro previsto per altre zone d’Italia.

Le parole del sindaco però non hanno convinto il comitato 30 Ottobre, che tutela i cittadini sfollati in seguito ai terremoti del 2016. In particolare, l’associazione critica la gestione dei lavori che dovrebbero portare alle nuove palazzine da affidare ai terremotati. «Alla luce delle recenti affermazioni apparse sui media locali e non – fa sapere in una nota stampa il gruppo -, il comitato esprime vive preoccupazioni riguardo le prospettive per gli ospiti dei container e per le decine di sfollati ancora dislocati sulla costa. Le rassicurazioni che l’amministrazione sparge in ogni occasione utile per garantire che entro fine estate verranno consegnati gli appartamenti da costruire ex novo (analoga promessa è stata fatta a giugno dello scorso anno), appaiono assolutamente fuori luogo. Infatti ad oggi, non sono nemmeno partiti i lavori preliminari per costruire le nuove palazzine. Assicurare che entro la fine dell’estate saranno consegnati, significa offendere il buon senso e l’intelligenza delle persone. Così come affermare impunemente che i container hanno una “vita” di oltre 10 anni, lasciando intendere che strutture previste in sostituzione delle tende possano essere in realtà fruibili per lunghissimo tempo ancora, lascia sgomenti per l’assoluta cecità riguardo la condizione di vita all’interno di una struttura concepita come assolutamente temporanea».

Area container per i terremotati senza vigilanza e assistenza

Container, la proposta del comitato: «Gestiamoli insieme ai residenti»

Area container, la Protezione civile lascia «Ingaggeremo una società»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X