facebook twitter rss

La Mussolini all’Hotel House:
«Potrebbe essere riqualificato»
(FOTO)

PORTO RECANATI - L'europarlamentare in visita al palazzone multietnico: «C'è un'altra via oltre alla demolizione, ognuno deve prendersi le sue responsabilità»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
1K Condivisioni

Alessandra Mussolini all’Hotel House

di Laura Boccanera

(foto di Federico De Marco)

«C’è una via alternativa rispetto alla demolizione, l’Hotel House potrebbe essere riqualificato, ognuno chiaramente dovrebbe prendersi le proprie responsabilità, l’ente locale da solo può fare poco». L’europarlamentare del Partito popolare Europeo Alessandra Mussolini in visita questa mattina al palazzone multietnico di Porto Recanati.

Il summit in Comune

Prima del giro all’esterno dell’edificio la Mussolini, accompagnata da Deborah Pantana (consigliere comunale a Macerata per Forza Italia), si è intrattenuta in Comune con il sindaco Roberto Mozzicafreddo e il vice Rosalba Ubaldi. L’europarlamentare ha ascoltato le problematiche relative alla presenza dei numerosi stranieri, ma soprattutto quelle legate alla gestione dell’House, edificio privato, ma con problematiche che ricadono sulla collettività. La visita al popoloso condominio però ha raccontato anche un’altra storia alla Mussolini, quella delle seconde generazioni di nuovi cittadini che l’hanno accolta a braccia aperte e le hanno mostrato anche il bello dell’Hotel House. Scortata da un gruppetto di giovani studenti di 12 anni la Mussolini ha sottolineato come i problemi di convivenza non sembrano essere così evidenti tanto da poter supporre la possibilità di riqualificare piuttosto che demolire l’edificio.

Alessandra Mussolini mentre acquista una confezione di datteri in un negozio di alimentari bengalese

«L’Hotel House può anche essere una risorsa – ha detto – è incredibile che qui vivano così tante etnie». Da risanare invece al più presto la presenza di gruppi di criminali all’interno della struttura, dando priorità alla sicurezza e alla legalità: «Questi bambini sono molto assennati, responsabili, hanno il diritto di crescere lontano dagli spacciatori». La politica romana è arrivata prima in Comune dove il sindaco e il vice hanno illustrato la situazione, raccontando numeri, problemi, rapporti con le forze dell’ordine, e anche della frustrazione di non poter fare di più. La Mussolini ha ascoltato e ha promesso di portare la discussione nelle sedi opportune, affinché ciascun ente si assuma la sua parte di responsabilità rispetto all’Hotel House e impegnandosi per la creazione di un tavolo di discussione. «La priorità è la sicurezza e la legalità – ha aggiunto – poi potrebbe esserci anche una via diversa rispetto alla demolizione, ovvero la sistemazione. Ci sono problematiche che potrebbero essere risolte attraverso nuove leggi. Ad esempio la difficoltà di censire e individuare chi qui risiede è un limite per il Comune che non può fare tutto da solo. L’ente locale non può accollarsi una spesa di tale portata, anche la Regione sia coerente e faccia ciò che è in suo potere. Un’altra ipotesi potrebbe essere quella di un commissario per lagestione della problematica».

 

Mussolini con i ragazzini dell’Hotel House

Dopo l’incontro ufficiale la Mussolini ha voluto incontrare i residenti: ad attenderla un’inquilina italiana dell’House e tantissimi ragazzini che di ritorno da scuola si sono fermati, prima a stringere le mani delle tante forze dell’ordine presenti e poi, incuriositi da telecamere e corteo, a parlare con la Mussolini che si è intrattenuta a lungo con loro, visitando i luoghi da loro frequentati, dal campetto al parco coi giochi, parlando di “Bello figo”, ma anche del loro futuro. Sono le seconde generazioni dell’Hotel House, hanno padri che lavorano come pizzaioli, lavapiatti, operai. Vanno a scuola, sono nati a Recanati e giocano a calcio con le società sportive locali, «abbiamo tanti amici di Porto Recanati, ma qua loro non vengono mai, siamo sempre noi ad andare a casa loro». Storie che toccano la Mussolini che si ferma anche in un negozio bengalese di prodotti alimentari e compra dei datteri.  Tra i tanti che le si avvicinano anche il maggior proprietario italiano di appartamenti affittati all’interno dell’House, che manifesta con la mano destra alzata la nostalgia per il nonno dell’europarlamentare, che tra gli imbarazzi viene diplomaticamente portata via dal suo staff e invitata a proseguire il giro.

(servizio aggiornato alle 18,25)

 

 

 

 

 

 

 

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X