facebook twitter rss

Oltraggio al giudice,
avvocato condannato:
«Esercitavo il diritto di difesa»

MACERATA - Il legale Federico Valori avrebbe lamentato durante un processo al giudice di pace che non venivano verbalizzate le dichiarazioni di un testimone. Il tribunale de L'Aquila gli ha inflitto 1 anno e 4 mesi. «Farò appello, non c'è stata nessuna offesa. Ho fatto una critica nell'esercizio della mia professione»
giovedì 13 settembre 2018 - Ore 20:05 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

L’avvocato Federico Valori

 

Oltraggio al giudice durante l’udienza, avvocato condannato a 1 anno e 4 mesi. Sotto accusa era finito il legale Federico Valori che ieri è stato condannato al tribunale de L’Aquila, competente per le questioni di chi si occupa di giustizia a Macerata. «Stavo difendendo una cliente, ho fatto ciò che mi è stato insegnato da mio padre quando si sente un testimone e il giudice fa la verbalizzazione sintetica». Il processo era in corso al giudice di pace di Macerata. Secondo l’accusa Valori, mentre veniva sentita la parte offesa, avrebbe detto al giudice Maria Carmina La Iacona che «non stava facendo il proprio dovere, perché ometteva di verbalizzare quanto il testimone stava dicendo». Avrebbe anche aggiunto che in quel modo stava «proteggendo il testimone». «Mai detto che voleva proteggere il testimone – dice l’avvocato Valori –. Ho detto che non verbalizzando mi sarei trovato impedito nella difesa della mia cliente perché il testimone aveva reso dichiarazioni contraddittorie con cui, se verbalizzate, avrei potuto dimostrare che stava mentendo». Il legale aggiunge che «mio padre, che è stato mio maestro, mi ha insegnato a verificare il contenuto della verbalizzazione sintetica che viene fatta dal giudice. Quel giorno ho sentito quella frase, che ritenevo decisiva, e ho fatto rilevare la cosa. Il giudice ha risposto che la verbalizzazione era in forma sintetica. A me questo era chiaro e proprio per questo chiedevo che venisse verbalizzata quella frase. Il giudice mi ha risposto per tre volte che stava verbalizzando in forma sintetica, poi ha disposto la sospensione del procedimento. Allora ho detto che non stava facendo il suo dovere». Valori aggiunge che il reato di oltraggio è legato ad una condotta offensiva, «per me non è oltraggio una critica fatta nell’esercizio della mia professione – continua Valori –. Quello che facciamo è previsto dalla Costituzione: esercitiamo il diritto di difesa». Valori, sulla sentenza dei giudici de L’Aquila dice: «Faremo appello e ci batteremo». L’avvocato Valori è assistito dal legale Gianluca Totani, presidente della Camera penale de L’Aquila. Oltre alla pena, il legale è stato condannato a 5mila euro di risarcimento alla parte civile (si era costituita il giudice, assistita dall’avvocato Patrizia Palmieri). 

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X