facebook twitter rss

Corruzione sul regolamento dei chioschi,
assolto l’ex consigliere Carelli

MACERATA - Per il giudice il fatto non sussiste. Oggi la sentenza in tribunale. La vicenda riguardava la presunta richiesta da parte di una fioraia che voleva allargare la propria struttura e in cambio avrebbe promesso la direzione dei lavori
martedì 11 settembre 2018 - Ore 20:00 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Luigi Carelli quando sedeva in Consiglio comunale

 

Finito sotto accusa per corruzione sul regolamento dei chioschi del cimitero, assolto ex consigliere comunale. Luigi Carelli questa mattina è stato prosciolto dal giudice Claudio Bonifazi del tribunale di Macerata. Doveva rispondere di corruzione impropria dopo che la procura aveva derubricato l’iniziale imputazione di corruzione, caduta con l’archiviazione della persona che avrebbe corrotto (una fioraia). La vicenda risale a prima del 2012, nel periodo in cui Carelli era consigliere comunale. Secondo l’accusa, la titolare di uno dei chioschi del cimitero gli avrebbe chiesto un aiuto perché voleva ampliarsi ma questo non le era stato concesso dagli uffici comunali. In cambio dell’aiuto, diceva l’accusa, a Carelli la fioraia (la cui posizione era poi stata archiviata in fase di indagine) gli avrebbe promesso l’incarico di direttore dei lavori per l’ampliamento del chiosco. Carelli, assistito dagli avvocati Luca Forte e Fabio Piedominici, aveva sempre respinto le accuse e sosteneva che la modifica del regolamento era stata partorita da due commissioni comunali e di uno studio durato sei mesi e che riguardava tutti i proprietari e non un’unica persona. Oggi il giudice Claudio Bonifazi ha assolto Carelli «perché il fatto non sussiste». Al processo era parte civile il comune di Macerata, tutelato dall’avvocato Giancarlo Giulianelli.

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X