Finte addette alla differenziata
truffano un’anziana:
rubati 1500 euro

PORTO POTENZA - Due donne sono riuscite ad entrare nella casa di una 87enne per portare via il denaro con la scusa de controllo dei rifiuti. Episodio analogo questa mattina a Recanati
- caricamento letture

 

Truffa

Foto d’archivio

 

«Siamo due operatrici della raccolta differenziata e dobbiamo fare dei controlli». Con questa scusa due donne, italiane, si sono introdotte ieri pomeriggio a Porto Potenza nell’abitazione di un’anziana di 87 anni. Le due donne con questa scusa si sono introdotte all’interno dell’abitazione della donna e mentre una distraeva l’anziana l’altra è riuscita a raggiungere la camera da letto e a portare via 1500 euro in contanti. Episodi analoghi si sono verificati anche questa mattina, questa volta a Recanati, dove un uomo e una donna si sono finti tecnici del gas e con la scusa di ritirare tutto il materiale in oro, pericoloso in caso di una eventuale esplosione, si sono fatti consegnare monili e gioielli. I due truffatori infatti hanno paventato un allarme esplosione nella zona a causa di una fuga di gas e in un caso il colpo è andato a segno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X