facebook twitter rss

Accusa i sintomi dell’infarto,
si mette in auto per andare all’ospedale:
salvato dalla polizia

MACERATA - L'uomo, 45enne residente in provincia, era al volante della sua vettura in via Bramante intorno alle 2,30 quando ha perso il controllo del mezzo a causa del malore, proprio in corrispondenza del luogo dove gli agenti della Volante stavano effettuando un posto di blocco
mercoledì 11 luglio 2018 - Ore 13:45 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Una volante della polizia

 

Accusa i sintomi dell’infarto a casa, si mette al volante per raggiungere l’ospedale ma perde il controllo dell’auto e si ferma vicino ad una Volante della polizia. Soccorso dagli agenti è stato poi ricoverato in ospedale un 45enne residente in provincia. E’ successo alle 2,30 in via Bramante a Macerata, dove gli agenti stavano effettuando un posto di blocco. Hanno notato una vettura procedere con andatura incerta, zigzagando in direzione centro per poi fermarsi pericolosamente quasi in mezzo alla strada. Gli agenti hanno trovato l’uomo alla guida che, in stato di grave sofferenza e con un filo di voce, chiedeva loro aiuto in quanto, avendo poco prima avvertito in casa i sintomi tipici dell’infarto, che lo aveva già colpito qualche anno prima, stava provando a raggiungere da solo il pronto soccorso. Ma dopo aver percorso alcuni chilometri, si era fermato avvertendo dolori sempre più forti al petto che non gli permettevano di avere le forze necessarie per proseguire la marcia. Il 45enne si è poi accasciato sul sedile perdendo momentaneamente i sensi. Gli agenti, dopo aver allertato il 118, hanno soccorso l’uomo che è tornato vigile e cosciente fino all’arrivo degli operatori dell’emergenza che lo hanno trasportato in ospedale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X