Paolo Gentiloni a Symbola:
«Dalle imprese legate al territorio,
la speranza per ripartire dopo il sisma»

TREIA - Il messaggio lanciato dal palco del festival di soft economy dall'ex premier. La riflessione si è incentrata sul ruolo delle imprese cosiddette coesive, quelle che hanno relazione continue e costanti e di buona qualità con dipendenti, comunità locale, terzo settore
- caricamento letture
Symbola_Treia_2018_FF-6-650x434

Tra gli altri Gentiloni, Ceriscioli e il vescovo Marconi in prima fila

di Monia Orazi

(foto di Fabio Falcioni)

Imprese di qualità che hanno un forte legame con il territorio, sono la “ricetta” per andare oltre la devastazione del terremoto. E’ questo il messaggio che lancia dal palco del seminario estivo di Symbola l’ex premier Paolo Gentiloni, inizialmente annunciato per la mattinata di sabato. Oggi era previsto l’intervento del presidente del parlamento europeo Antonio Tajani, però assente. Incerta la presenza domani del presidente della Camera Roberto Fico. La  riflessione si  è incentrata sul ruolo delle imprese cosiddette coesive, quelle che hanno relazione continue e costanti, di buona qualità con dipendenti, comunità locale, terzo settore, con una grande capacità di fare rete, attenzione al loro ruolo sociale ed all’ambiente.

Symbola_Treia_2018_FF-3-650x433

L’ex premier Paolo Gentiloni

«Dal legame delle imprese con il loro territorio, può nascere la speranza di ripresa per le zone colpite dal terremoto. Penso a tante aziende di queste zone, la mia famiglia ha le proprie origini a quindici chilometri da qui – ha detto Gentiloni – le Marche hanno un bisogno particolare di coesione in questo momento per affrontare le conseguenze del terremoto. Non basta mettere notevoli risorse pubbliche per la ricostruzione, bisogna andare oltre agli ostacoli burocratici, a procedimenti pubblici che dovrebbero essere meno complessi. C’è un ruolo notevole in questo contesto per le imprese che sono coesive, che fanno qualità, ambiente, creando stabilità sono il meglio dell’Italia». Al mattino è stata presentata la ricerca firmata da Symbola e Unioncamere, da cui il seminario prende il titolo «Coesione è competizione». Le imprese ‘coesive’ hanno infatti registrato nel periodo 2017-2018 aumenti del fatturato nel 53% dei casi, mentre fra le “non coesive” tale quota si ferma al 36%. Dimostrando una migliore dinamicità anche sul fronte dell’occupazione: il 50% delle imprese coesive ha dichiarato assunzioni in questo periodo, contro il 28% delle altre. Un differenziale di ben 22 punti percentuali, particolarmente accentuato nelle piccole imprese. La stessa situazione avviene per le esportazioni: le realtà coesive hanno aumentato l’export nel 45% dei casi, a fronte del 38% delle non coesive, oltre a essere quelle che hanno nel dna una considerazione maggiore di valori come l’ambiente (il 38% delle imprese coesive contro il 21% delle non coesive nel triennio 2015–2017), la creazione di occupazione e di benessere economico e sociale, gli investimenti in qualità (l’82% delle imprese coesive ha fatto social investment contro il 65% delle altre).

Symbola_Treia_2018_FF-1-650x433

Ermete Realacci e Fabio Renzi

«Una buona economia aiuta a superare e ad affrontare paura, solitudini e diseguaglianze per costruire il futuro. È questa la lezione che ci viene da Adriano Olivetti, il quale aveva ben chiaro come alla base dell’impresa ci fosse innanzitutto un rapporto di stima e fiducia reciproca con i lavoratori, la comunità e il territorio. Quando l’Italia scommette sui suoi talenti e sulle comunità, quando investe sulla qualità, l’innovazione e la bellezza – ha spiegato il presidente della Fondazione Symbola, Ermete Realacci – allora spesso è determinante e si ritaglia un ruolo nel mondo. Una scommessa ancora più valida oggi in cui timori e disuguaglianze rischiano di dividere, anziché unire». Anche il presidente di Unioncamere Giuseppe Tripoli ha sottolineato come le aziende coesive rappresentino un tratto tipico dello sviluppo italiano. «Nel nostro Paese ci sono tanti imprenditori piccoli e medi, sempre più numerosi, che puntano sulla formazione dei dipendenti e li coinvolgono nella vita aziendale, investono sul no-profit, partecipano attivamente alla vita associativa, promuovono iniziative di valorizzazione del territorio, sono attenti alla sostenibilità – ha aggiunto Tripoli -. Queste sono le realtà imprenditoriali che definiamo “coesive”, perché uniscono benessere economico e benessere sociale. Questo è un tratto tipico dello sviluppo italiano. E osserviamo da qualche tempo che proprio queste imprese, rispetto alle altre, sono più performanti, più competitive, assumono di più e esportano di più. Per questo più coesione significa più competitività».

Symbola_Treia_2018_FF-7-650x434Tra le aziende locali indicate come coesive ci sono I Guzzini Illuminazione e Simonelli Group. Fabio Renzi, segretario di Symbola tra gli altri argomenti ha trattato quello del distretto dei beni culturali, come opportunità per le aree colpite dal sisma. «Progetto – ha spiegato – di rigenerazione territoriale che può avere nel patrimonio storico, culturale, paesaggistico ed architettonico un importante “asse infrastrutturale” e che può veder nascere in questi territori il più grande distretto europeo di restauro e messa in sicurezza dei beni culturali vista l’estensione territoriale, il numero dei beni da recuperare e le risorse che saranno investite, come la quota statale dell’8xmille destinata ai beni culturali che per 10 anni sarà devoluta all’area colpita dal sisma del 2016». Nel pomeriggio sono stati protagonisti enti ed imprese che hanno fatto della responsabilità sociale uno degli asset fondamentali della loro attività. Tanti i rappresentanti di enti ed istituzioni locali presenti, tra loro il presidente della Regione Luca Ceriscioli, il deputato Tullio Patassini, sindaci di diversi comuni, i rettori degli atenei di Camerino e Macerata, politici ed imprenditori arrivati da tutte le Marche. Domani mattina la sessione conclusiva del seminario estivo concluderà a Treia gli appuntamenti con Symbola.

 

Symbola_Treia_2018_FF-8-650x434

Symbola_Treia_2018_FF-5-650x434

Gentiloni e Ceriscioli

 

Symbola_Treia_2018_FF-4-650x434

Gentiloni

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X