facebook twitter rss

Corso della Repubblica, vetrine chiuse:
altri due negozi vanno altrove

MACERATA - Se ne vanno Cherie e Il giardino delle cose (che resta in via Don Minzoni)
mercoledì 6 giugno 2018 - Ore 22:11 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Corso della Repubblica

 

Corso della Repubblica, nel cuore del centro di Macerata, perde altri due negozi. Si trasferisce Cherie e dal 31 maggio ha chiuso i battenti anche la vetrina de Il Giardino delle cose che mantiene il punto vendita in via Don Minzoni.

La via ha sempre più vetrine chiuse, compresa quella del cinema Corso che, assieme al vicolo che scende verso via Santa Maria della Porta, offre uno spaccato di abbandono che non fa onore a una delle vie più storiche e operose della città. Cinzia Mancuso, titolare di Cherie, spiega la decisione di spostare il punto vendita: «Volevamo fare un cambiamento, anche un po’ per rinnovarci. Ci dispiace andare via. In corso della Repubblica siamo molto uniti». I commercianti di corso della Repubblica infatti da diverso tempo organizzano eventi e occasioni di ritrovo, soprattutto da quando il centro è stato pedonalizzato. Il problema di tenuta per i negozi del centro storico è comunque una realtà. Secondo alcuni commercianti, la pedonalizzazione ha aggravato la situazione già difficile dopo il sisma. In Consiglio comunale, ad aprile, i titolari nei negozi – compresi quelli di corso della Repubblica – avevano presidiato i lavori per chiedere al sindaco Romano Carancini un ripensamento sugli orari di apertura della zona a traffico limitato. L’apertura c’è stata, ma se ne riparlerà il prossimo inverno. Nel frattempo restano i dati, anche questi emersi in assise, dei “passaggi” davanti alle vetrine del centro storico che sono dimezzati in tre anni (leggi l’articolo). Meno clienti quindi, meno profitti e, in molti casi, affitti carissimi da pagare, che rendono difficilmente sostenibile un’attività economica.

(Fe. Nar.)

(foto di Fabio Falcioni)

Il vicolo del cinema Corso

 

«Presenze dimezzate in centro», commercianti in Consiglio: «Non è più sostenibile»

“Il pesce e il vino” trasloca al mare: «In centro non si lavora più bene»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X