Macerata, la luce in fondo al tunnel (foto)

TAGLIO DEL NASTRO per il nuovo passaggio pedonale dal terminal bus al centro. Ascensori di nuovo in funzione e tante novità. Dalle telecamere all'opera d'arte firmata da Morden Gore. Inaugurazione al buio per svelare la sorpresa del nuovo murales soltanto alla fine
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-10-650x433

Il nuovo look del tunnel pedonale

 

di Federica Nardi

(foto di Fabio Falcioni)

La luce del tunnel pedonale, dopo un mese di lavori, si accende sulla nuova opera dell’artista maceratese Morden Gore. Odore di vernice ancora pungente, musica in filodiffusione, telecamere puntate sul corridoio e collegate alla centrale operativa dei carabinieri. Rinnovati colori, segnaletica e pavimentazioni. Soprattutto, gli ascensori di nuovo in funzione con tanto di voce che snocciola i piani: in italiano e in inglese. Da un lato l’immagine di una bambina accompagnata dalla scritta “Build the future” (trad: costruisci il futuro). Dall’altra una donna anziana. Di fronte a lei “Mind the past” (trad: conosci il passato). Eccolo qua: il nuovo passaggio che collega il terminal bus ai Giardini Diaz al centro storico della città. «Proporrò alla giunta di trasformarlo in un pezzo della nostra rete museale», dice il sindaco Romano Carancini.

inaugurazione-giardini-diaz-sottopassaggio-ascensori-4-325x217

Il sindaco Romano Carancini prima dell’accensione del tunnel

UN TUNNEL IN MOVIMENTO – La parola chiave delle immagini che si espandono sulle pareti del tunnel è «anamorfismo – spiega l’assessore Stefania Monteverde – Forme all’apparenza senza senso che, trovato il punto di vista giusto, mostrano la loro armonia segreta». Il segreto per ammirarle, quindi, è muoversi a piedi nel tunnel. Non è la prima volta che Morden Gore utilizza questa tecnica per animare luoghi di passaggio della città. “Gates no frontiers” è l’altro esempio, nel sottopassaggio dei Cancelli. «Lo abbiamo scelto perché è maceratese e perché è un artista straordinario che aveva già interpretato in maniera mirabile e bellissima quello che noi ci aspettavamo di trovare qui – spiega Carancini -. È stato un grande lavoro di squadra. Tutti insieme, prima nel concepimento dell’idea e poi nell’attuazione. Non volevamo solo una riqualificazione ma la trasformazione di un non luogo in un luogo. Trasformare un tunnel in una galleria d’arte pedonale in cui ci fosse una sola opera. Trasformare la neutralità dei muri nella loro capacità di dialogare con le persone attraverso colori e parole. Trasformare il silenzio in armonia discreta. un luogo simbolo per la città». L’augurio del sindaco è che «questo luogo sia custodito da tutti, perché è delicato».

inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-7-325x217

Simone Oresti

DALLA MUSICA ALLA SICUREZZA – Il restyling ha portato diverse novità nel tunnel pedonale. «La luce, i colori, i materiali. Tutto è stato scelto per dare un senso di agiatezza e sicurezza – spiega l’architetto Simone Oresti, che ha fatto da cicerone alla piccola folla arrivata per l’inaugurazione -. Le parti più esposte delle pareti, quelle in basso, sono anche ricoperte da una pellicola». La filodifussione inoltre nasconde un’altra possibilità.

inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-4-325x217 I carabinieri, se notano che qualcosa non va dal sistema di videosorveglianza, possono intervenire prima di tutto con la loro voce. Le casse da cui esce la musica infatti sono collegate a un microfono in centrale. I colori che dominano sono il giallo, il verde, l’azzurro. Mentre all’arrivo in via Crescimbeni le pareti accolgono i visitatori con sfondo rosso e scritte bianche che citano i punti turistici della città. Gli ascensori, all’esterno, hanno frecce che indicano dove andare mentre all’interno qualche rivestimento è ancora da fare, ma c’è già una voce che conta i piani in italiano e in inglese. «Il nostro obiettivo – spiega l’assessore Mario Iesari – è una mobilità più sostenibile. Che veda, senza sacrificare le esigenze dei cittadini, privilegiare forme e mezzi diversi rispetto all’auto privata».

inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-6-325x217

Giorgio Piergiacomi

I PROSSIMI PASSI – Giorgio Piergiacomi racconta di un percorso che ha visto l’Apm investire «293mila euro per il nuovo terminal bus, compresa la nuova fermata alle Vergini. E 282mila euro per questa riqualificazione. Nel parcheggio Centro storico è in corso la ristrutturazione dei due piani parcheggio e poi partiremo con l'”info mobilità” (il sistema di pannelli digitali che informa sui posti disponibili nei parcheggi di cintura, ndr). Stiamo anche approntandoun sistema di pagamento diretto tramite app. Così con lo smartphone si potranno pagare la sosta, l’abbonamento, l’accesso al centro. Forse sarà pronto a giugno. Per fine anno vogliamo integrarlo con il servizio trasporti, in modo che tramite app si possano acquistare anche i biglietti.

inaugurazione-giardini-diaz-ascensori-sottopassaggio-6-650x488

inaugurazione-giardini-diaz-sottopassaggio-ascensori-3-650x434

 

inaugurazione-giardini-diaz-ascensori-sottopassaggio-3-650x433

inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-9-650x433

inaugurazione-giardini-diaz-ascensori-sottopassaggio-5-650x433

inaugurazione-giardini-diaz-ascensori-sottopassaggio-4-650x433

inaugurazione-giardini-diaz-ascensori-sottopassaggio-7-650x433

inaugurazione-giardini-diaz-ascensori-sottopassaggio-2-650x433

inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-13-650x433

iesari-carancini-iaugurazione-tunnel

inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-1-650x433

 

inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-8-650x433

inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-5-650x433

 

inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-3-650x488

inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-2-650x488

inaugurazione-tunnel-ascensori-giardini-diaz-sottopassaggio-12-650x433

inaugurazione-giardini-diaz-ascensori-sottopassaggio-1-650x433

inaugurazione-giardini-diaz-sottopassaggio-ascensori-2-650x434

inaugurazione-giardini-diaz-sottopassaggio-ascensori-1-650x433

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X