Partorisce in casa, grave la bimba
Esposto in procura della famiglia
sull’operato dell’ospedale

MACERATA - La donna, incinta di 9 mesi, ieri si è rivolta al nosocomio del capoluogo perché aveva delle perdite. I medici le avrebbero detto che non era ancora tempo per il parto ma poi nella sua abitazione ha dato alla luce una bambina. La piccola ha avuto una sofferenza durante il parto e si trova ricoverata al Salesi
- caricamento letture
autopsia-anna-maria-orazi-obitorio-foto-ap-2-650x433

L’ospedale di Macerata

 

Incinta, va in ospedale perché ha delle perdite: le dicono di tornare a casa e lì partorisce una bambina che ora si trova ricoverata al Salesi di Ancona in condizioni gravi. La famiglia ha presentato un esposto in procura per accertare quanto accaduto questa notte a Macerata.

Incinta di nove mesi ieri una donna maceratese sui 40 anni era andata in ospedale per un controllo. I medici l’avevano poi dimessa e rimandata a casa. In seguito, intorno all’una di questa notte, la donna è tornata in ospedale, a Macerata, perché non stava bene e aveva ulteriori perdite. Dopo averla visitata, i medici hanno rimandato a casa la donna e le avrebbero detto che ancora non doveva partorire. Rientrata nella sua abitazione però nel corso della notte la donna ha partorito la bambina. Non avrebbe nemmeno fatto in tempo a chiamare un’ambulanza per chiedere aiuto. Durante il parto però la piccola, da quanto emerge, avrebbe avuto una sofferenza. La donna e la bambina sono state portate in ospedale a Macerata. Da lì poi la neonata è stata trasferita all’ospedale Salesi di Ancona. I parametri vitali sarebbero stabili ma le condizioni della bambina restano gravi e monitorate dai medici dell’ospedale pediatrico dorico. La famiglia questa mattina ha deciso di fare un esposto in procura per segnalare quanto avvenuto nella notte e valutare se vi siano eventuali responsabilità da parte dei medici.

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X