«Rimasto senza lavoro,
a 64 anni dormo in auto»

CIVITANOVA - Il caso è stato segnalato dall'assessore comunale Cognigni. «Non potendo più pagare l'affitto e non volendo avere debiti ho scelto di vivere nella mia vettura. La pensione neanche a parlarne»
- caricamento letture
ordinanza-antirom-giuseppe-cognigni-civitanova-2-650x433

Giuseppe Cognigni

 

Da due mesi dorme in auto in un parcheggio vicino alla pescheria, nella sua Volvo una tanica di benzina per rimboccare ogni tanto il serbatoio, quel tanto che basta per scaldarsi un po’. Una storia di difficoltà economiche quella di un 64enne di Catania, da anni nelle Marche e residente a Potenza Picena che da dicembre, non potendo più pagare l’affitto, ha scelto di dormire in auto. La segnalazione arriva dall’assessore Giuseppe Cognigni che ha passato il caso all’assessore ai servizi sociali Barbara Capponi per capire se sia possibile aiutarlo. Oggi al parcheggio dove l’uomo ormai vive c’era anche Cognigni che ha preso a cuore la vicenda umana del catanese: «purtroppo un uomo italiano costretto a vivere in auto nella nostra città è qualcosa di inaccettabile. Ora provvederò personalmente a fornirgli un pacco alimentare, qualche bene di prima necessità. Ho già segnalato il caso ai servizi sociali» dice l’assessore. Il 64enne infatti, con alle spalle lavoretti saltuari come aiutante di un ambulante, non ha di che sostentarsi. «Purtroppo non c’è più lavoro qui attorno, i mercati non hanno più i margini di una volta. Tempo fa acquistavo e poi rivendevo ciabatte, ma ormai non conviene più. E così non potendo più pagare l’affitto e non volendo avere debiti ho scelto di vivere in auto, la pensione neanche a parlarne». Una situazione di indigenza che non è nota ai suoi familiari ancora in Sicilia, una mamma anziana e i figli quarantenni e proprio per questo il 64enne ha voluto mantenere l’anonimato. La Caritas ogni tanto lo aiuta, ma è lui ad avere pudore e imbarazzo a dormire presso la struttura.

Non è il primo caso di persone costrette a dormire nella propria auto a causa di situazioni di indigenza: già nel 2016 i servizi sociali avevano preso in carico un uomo, anche lui 60enne costretto a vivere per strada. L’anno prima nel 2015 un ragazzo, questa volta straniero, 36 anni, è stato trovato morto a causa di un malore nella sua Golf parcheggiata davanti ad una scuola.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X