facebook twitter rss

“Presi a pesci in faccia dalla città,
l’acquisto della Maceratese può saltare”

CESSIONE BIANCOROSSA - Arriva un passo indietro dalla conferenza che doveva annunciare i progetti della cordata romana dopo l'atto di compravendita firmato ieri sera. Gli avvocati Angelo Massone e Federico Valori: "Fantauzzi e Macaluso sono terrorizzati, si sono presi 24 ore di riflessione dopo l'aggressione di questa notte. Non ci aspettavamo questo trattamento da alcuni tifosi e dal sindaco. Questo è un gruppo imprenditoriale che vuole fare soldi attraverso un investimento per portare la squadra in serie B. Far pensare che qualcuno è venuto a rubare è fuori da ogni logica, questa società non ha più niente"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Alcuni passaggi della conferenza stampa degli avvocati Angelo Massone e Federico Valori
0 Condivisioni

 

Gli avvocati Angelo Massone e Federico Valori durante la conferenza di oggi al Claudiani

 

di Matteo Zallocco

«Due imprenditori seri sono venuti in questa città per portare avanti un progetto imprenditoriale serio e sono stati accolti a pesci in faccia. Dopo il tentativo di aggressione di ieri sera (leggi l’articolo) Fantauzzi e Macaluso sono terrorizzati, hanno paura a passeggiare per le vie del centro e si prenderanno 24 ore per riflettere sul da farsi». Così l’avvocato Angelo Massone durante la conferenza stampa che era stata convocata per rivelare i dettagli dell’acquisto della Maceratese. «Oggi doveva essere un giorno di festa per la città – ha detto l’avvocato Federico Valori, legale di Filippo Spalletta – Avremmo dovuto festeggiare la salvezza della Maceratese che si trova in uno stato di insolvenza da mesi e non potevamo aspettare oltre il 31 marzo. Se non chiudevamo avremmo dovuto portare i libri contabili in tribunale. Con questa operazione si evita di commettere il delitto di bancarotta fraudolenta». L’atto di compravendita non è stato sottoscritto da un notaio ma nello studio dell’avvocato Valori: «E’ stato firmato un accordo definitivo – sottolinea lo stesso Valori – che prevede come passaggio successivo una riunione del Cda (di cui fanno parte Spalletta e l’ad Simone Sivieri, ndr) per ratificare l’ingresso di nuovi soci».

Angelo Massone

Dunque non è stato rivelato nessun dettaglio, nessuna cifra sull’operazione perché «qui si sta andando oltre – aggiunge Massone – Da una città come Macerata non ci aspettavamo un episodio come quello di ieri sera quando 15 persone ci hanno costretti a rinchiuderci dentro al ristorante Da Secondo dopo avermi aggredito verbalmente all’esterno del locale. Mi vergogno di essere scappato come un codardo. Fantauzzi e Macaluso non sanno più cosa fare, hanno paura. Oggi dovevano andare allo stadio e avevano invitato diversi amici, ma non possono farlo. In questi giorni ci hanno dipinti sui social con termini durissimi, ci hanno chiamato “i corleonesi, la banda della Magliana”. Sono stati stampati articoli con informazioni del tutto false sul mio conto, informazioni prese da google senza alcun riscontro. Qualcuno dice che siamo venuti a rubare. Ma a rubare cosa? Questa società e’ stata spolpata e non certo da noi. La Maceratese non ha più niente».

Massone si rivolge anche al sindaco: «Perché Carancini ha tenuto nascosto il nostro incontro? Siamo andati da lui diversi giorni fa, sapeva che era in piedi questa trattativa e ora vuole farla apparire come un qualcosa nato in due giorni. Un sindaco che si espone pubblicamente in questo modo ci lascia perplessi». L’avvocato Valori rincara la dose: «Carancini parla di “accelerazione incomprensibile” e di “piatto già preparato”, due concetti che dicono uno il contrario dell’altro.  La scadenza del 31 marzo è un dato di fatto che non può mettere in discussione. Forse lui aveva in mente compratori diversi. Ma qualcuno vuole il fallimento della Maceratese per poi poterla acquistarla in un secondo momento? Il dubbio ci sorge».

Valori e Massone parlano di «un’opinione pubblica sedata e condizionata ad arte». «In questi giorni si è parlato anche di altre cordate, tra cui una locale ma è stato lo stesso Paoloni a dire che i tempi erano troppo ristretti. Aspettare l’ok dei partner russi significa aspettare l’ok definitivo per la costruzione del resort sul Burchio a Porto Recanati, e parliamo di almeno sei mesi. Massima stima per l’avvocato Cofanelli – prosegue Valori – ma a lui da tempo sono stati consegnati i libri contabili della Maceratese tramite un intermediario e da quel momento non sono più stato contattato. Oltre che da Cofanelli la cordata locale è rappresentata anche dall’avvocato Fabrizio Giustozzi che faceva parte del Cda della Maceratese durante la presidenza Tardella. Il Cda che ha consentito di adibire a foresteria un’abitazione della Tardella in via Cincinelli. Lì sono ospitati 50 ragazzi in un luogo che non era attrezzato e ci chiedono ancora 9 mila euro al mese».

Macaluso, Fantauzzi e Spalletta ieri sera dopo la firma dell’atto di compravendita

I due legali hanno utilizzato quasi sempre il condizionale o il passato, forma che farebbe pensare a un passo indietro. «Siamo galantuomini e chi ha subìto un’aggressione ha tutto il diritto a un ripensamento – ha detto Valori – Ho fatto le pulci a questa cordata e sono stati dipinti dalla città in maniera sbagliata. Parliamo di persone specchiatissime. Le cordate locali servono per rafforzare le clientele, questo invece è un gruppo imprenditoriale venuto a Macerata per fare i soldi con un progetto che doveva arrivare a prendere i diritti televisivi della serie B e a valorizzare i giovani. Marco Fantauzzi è un ricco imprenditore romano nel settore dell’intrattenimento, un grande tifoso della Lazio che ha contatti con ambienti calcistici di altissimo livello. E sono orgoglioso della presenza in questa cordata di Luca Macaluso, nipote del senatore Emanuele Macaluso con cui la mia famiglia è legata da un’amicizia di vecchia data. Quando la politica era fatta da galantuomini».

(foto Lucrezia Benfatto)

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X