Sequestrati 2mila chili di marijuana,
sul mercato valeva 18 milioni di euro
Sgominata banda di trafficanti

IL BLITZ - Operazione della polizia che ha bloccato 5 albanesi mentre da un gommone giunto a Marotta (Fano), stavano scaricando la partita di droga. L'indagine nasce da rinvenimenti di stupefacente sulle spiagge: uno di questi era avvenuto tra Porto Potenza e Porto Recanati, quando furono trovati 63 chili di marijuana
- caricamento letture

polizia - foto d'archivio - civitanova - FDM (7)

 

Duemila chili di droga sbarcati sulle spiagge del litorale marchigiano con un gommone: cinque persone sono finite in manette in una operazione della polizia di Ancona e con la collaborazione della Questura di Pesaro. L’indagine nasce da rinvenimenti di ingenti quantitativi di droga sulle spiagge marchigiane, forse caduti in mare durante i trasporti. Uno di questi ritrovamenti, nel 2014, a nel tratto di mare tra Porto Potenza e Porto Recanati (leggi l’articolo). Le indagini hanno consentito di sgominare una banda di albanesi, coinvolti in un traffico internazionale di stupefacenti. In totale i poliziotti di Ancona e Pesaro hanno sequestrato, nelle prime ore di ieri, 1.820 chili di marijuana. Immessa sul mercato, la droga avrebbe fruttato almeno 6 milioni di euro (calcolo fatto se fosse venduta all’ingrosso), 18 milioni di euro se smerciata in dosi. Lo sbarco di stupefacente è avvenuto a Marotta di Fano, alla foce del fiume Metauro. L’indagine che ha portato la polizia ieri ad attendere l’arrivo dello stupefacente era nata da alcuni rinvenimenti di sacchi contenenti droga, nel 2014 e poi a gennaio scorso, su spiagge marchigiane, a sud di Ancona e a Marzocca. Carichi caduti in mare forse a causa del mare mosso. Tra Porto Recanati e Porto Potenza, l’11 marzo di due anni fa, erano stati rinvenuti in mare 63 chili di marijuana. Quello stesso giorno a Pesaro un passante aveva trovato un borsone con all’interno 55 chili di marijuana e aveva allertato la polizia. L’altra notte i poliziotti hanno notato movimenti sospetti alla foce del Metauro: due persone facevano segnali con un puntatore laser verso il mare. Dopo oltre mezz’ora è giunto un camion, caricato in tutta fretta da tre uomini, mentre altri due scaricavano le balle di marijuana. Visti questi movimenti i poliziotti hanno fatto scattare il blitz e arrestato i cinque uomini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X