Le fate arrivano a Montelago:
il weekend celtico entra nel vivo

DRUIDI - Sale l'attesa per gli appuntamenti del fine settimana della festa in corso a Taverne di Serravalle. Evento clou la notte di musica non stop tra sabato e domenica
- caricamento letture

 

montelago

 

 

montelago

 

Fate, folletti, creature magiche e misteriose: Montelago celtic festival entra nel vivo. A Taverne di Serravalle, è partito il quattordicesimo raduno celtico più grande d’Italia. Domani venerdì 5, dalle 9, all’accampamento storico iniziano i corsi liberi di arceria tradizionale e scherma antica con i consigli degli esperti, a cui seguono quelli di avvicinamento alla falconeria. Contemporaneamente, nella zona dei gazebo musicali, si apre l’esposizione permanente di liuteria, che dura per tutta la festa. Dalle 10, tenda Tolkien protagonista con i primi appuntamenti dedicati alla cultura celtica. Al via i matrimoni con rito druidico, e poi la conferenza “San Patrizio, il Maestro che uccideva i serpenti” con Adolfo Morganti, la presentazione dei corsi musicali dell’accademia Montelago e, infine, la presentazione del libro “Forse non tutti sanno che nelle Marche” con l’autrice Chiara Giacobelli. Il primo pomeriggio è all’insegna dell’artigianato: alle 14 alla tenda Antichi Mestieri c’è il corso di manipolazione dell’argilla per bambini, e alle 15 quello per adulti. Alle 16 corso di lavorazione del cuoio per bambini e un’ora dopo per adulti. Ampio spazio anche ai corsi musicali: dalle 15 alle 18,30, ai rispettivi gazebo, stage di arpa celtica, cornamusa scozzese, chitarra acustica celtic style, tin whistle e organetto. Intanto, il via ufficiale ai concerti lo danno gli Albaluna al Mortimer pub alle 15,45.

montelago Per tutto il pomeriggio grande fermento alla tenda Tolkien con le lezioni-spettacolo a cura del professore Cesare Catà e della compagnia teatrale Magical afternoon. Anche l’accampamento storico si anima con il corso di avvicinamento alla falconeria e di danze scozzesi alle 17. Prima di cena, di nuovo il palco del Mortimer protagonista con il concerto di The moorings alle 18,15, e i Broken Bow alle 19,45. La maratona musicale prosegue poco dopo il tramonto con il live itinerante dei Siegel Senones (“Celtic party…e non torny”); dalle 21,30 si accendono i riflettori del main stage con i concerti di Mortimer Mc Grave, The real McKenzies e Folkstone. La tenda Tolkien diviene, in contemporanea, il punto di ritrovo per live a contatto con il pubblico e performance musicali libere e aperte tutti: HandHarp in concerto alle 22, e dalle 23 jam session a cura dei maestri del Montelago celtic festival. Alle 2 gran finale al Mortimer Pub con Matching Ties (Celtic Folk).

montelago

 

montelago

Sabato 6 alle 9 all’accampamento storico inizia la seconda giornata dei corsi liberi di arceria tradizionale e scherma antica con i consigli degli esperti. Alle 10 si alza il sipario all’arena Avalon sul sesto torneo di rugby a 7 “Flowers of Montelago”. Nella tenda Tolkien riprendono le attività culturali con due incontri-dibattito: Medardo Arduino per “Orizzonti celtici dell’Italia centrale” e Andrea Verdecchia per “Esiste una mitologia italica?”. Ai gazebo musicali, dalle 10,30 alle 12, si tiene la sessione mattutina dei corsi di arpa celtica, cornamusa scozzese, chitarra acustica celtic style, tin whistle e organetto, mentre alle 11 all’Accampamento storico ricomincia il corso di falconeria. Alle 11,30 doppio appuntamento alla Tolkien, dove riprendono i matrimoni, e al Mortimer pub, in cui si accende la musica con Matching ties. Dopo un primo pomeriggio dedicato all’artigianato con il corso di manipolazione dell’argilla per bambini e a seguire quello per adulti, alla tenda Antichi Mestieri, dalle 15 alle 18,30, sessione pomeridiana dei corsi musicali. In contemporanea: alla tenda Tolkien incontro-dibattito “Gandalf, i Jedi e i Druidi: Il ritorno dei maestri”, a cura di Loredana Lipperini, Lucrezia Ercoli e Giulia Ciarapica. All’arena Avalon i giochi celtici, al Mortimer Pub la premiazione del torneo di rugby e il concerto di Alban Fùam. Intanto alla tenda Antichi Mestieri, dalle 16 c’è il corso di lavorazione del cuoio per bambini e poi quello per adulti, mentre alla tenda Tolkien due serie di matrimoni e, alle 18, la lezione-spettacolo su Dylan Thomas “Il maestro delle visioni”. L’ccampamento storico ospita invece i corsi di avvicinamento alla falconeria e danze scozzesi alle 17. Emian Paganfolk attacca al Mortimer pub alle 17, seguito da Storm in a teapot alle 19.

montelago Alle 21 l’accensione dei fuochi sacri sulle note dell’inno Morrigan composto appositamente per Montelago dal bardo Màlleus, a cui segue il concerto itinerante dei Siegel Senones. È l’inizio ufficiale della lunga Notte celtica con la musica che scorre come un fiume inarrestabile sul main stage: The storm con Davy Spillane alle 21,20; Plantec alle 22,45; Kíla a mezzanotte; The Moorings alle 1,45; Broken Bow alle 3,15; Albaluna alle 4,30. Alla tenda Tolkien, HandHarp alle 22 e jam session a cura dei maestri del Montelago celtic festival dalle 23.

montelago

montelago

montelago

montelago

montelago

montelago

montelago

montelago

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X