Blitz di Sgarbi: arriva alle 3 di notte
per visitare la pinacoteca

SAN SEVERINO - Con la benedizione del sindaco Rosa Piermattei il critico ha voluto intrattenersi alla Tacchi Venturi rimanendo rapito dalle opere e dagli allestimenti per quasi due ore
- caricamento letture
sgarbi 4

Visita notturna di Vittorio Sgarbi alla pinacoteca Padre Tacchi Venturi

sgarbi

 

Blitz notturno alla pinacoteca “Padre Tacchi Venturi” di San Severino da parte di Vittorio Sgarbi. L’ex sindaco arrivato verso le tre di notte è rimasto nella prestigiosa raccolta d’arte comunale per quasi due ore. A colpirlo ed affascinarlo alcune delle opere in essa custodite, come la Madonna della Pace del Pinturicchio, tavola ritenuta da molti il capolavoro dell’artista perugino per lo splendore dei colori e la ricchezza del paesaggio. Apprezzato anche tutto il riallestimento curato dall’architetto settempedano Luca Maria Cristini. I colori in particolare hanno colpito l’occhio attento di Sgarbi che avrebbe espresso il desiderio di riproporli per la mostra a lui dedicata dal titolo “Oltre il limite”, in corso a Castellabate, in provincia di Salerno.

Alla richiesta di aprire le porte  della pinacoteca civica settempedana, nonostante l’insolita ora, non si è sottratto il  sindaco, Rosa Piermattei, che ha un ottimo rapporto con il Vittorio nazionale e che ha avuto modo di conoscere e incontrare a più riprese in un’intensa due giorni  settempedana vissuta dallo stesso Sgarbi in occasione della mostra “Dal Cielo alla Terra, Severino e altri eroi”. Al tour notturno hanno partecipato anche gli ideatori dell’esposizione, Walter Scotucci e Gianluca Bonifazi, il pittore padovano Massimo Pizzano e Alberto Rastelletti, titolare e chef di un noto ristorante settempedano.

sgarbi 2Il blitz blindato è stato seguito da vicino dagli addetti alla sicurezza di Sgarbi e dall’istituto di vigilanza che si occupa del sistema d’allarme della struttura. Rapito dai colori della pinacoteca Sgarbi ha trascorso molto tempo davanti ad alcune delle opere più preziose come l’affresco con Storie di San Giovanni evangelista dei  fratelli Lorenzo e Jacopo Salimbeni, il polittico di Vittore Crivelli e quello dell’Alunno oltre alle opere di Allegretto Nuzi, Lorenzo d’Alessandro, Paolo Veneziano, Bernardino di Mariotto. Di recente la raccolta è stata interessata da una serie di lavori che hanno portato al riallestimento del nucleo originario, dove sono conservate opere dal 1300 al 1500, e all’allestimento di quattro nuove sale, dove sono state trasferite opere del 1600-1700 e dove è stata sistemata anche un’aula multimediale.

 

sgarbi 6

sgarbi 5

sgarbi 3

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =