facebook twitter rss

Paesaggio e identità:
“Mappatura delle fonti
e commissione per l’ornato pubblico”

MACERATA - Le esigenze di tutela sono emerse durante il convegno promosso dall'associazione "La Reggia Picena"
venerdì 27 maggio 2016 - Ore 14:25 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Torresi_Fusari_Iommi_Foto LB

Un momento del convegno: da sinistra Simonetta Torresi, Enzo Fusari e Silvano Iommi

 

iommi_Foto LB

Silvano Iommi è il presidente dell’associazione “La Reggia Picena”

 

La mappatura dei fontanili di Macerata, il ripristino della commissione per l’ornato pubblico e un metodo per accedere ad una problematica complessa dalla natura polisemica ed olistica, cercando di evitare la diffusa tendenza a “rinominare” con nomi nuovi e più evocativi (come appunto è il “paesaggio”), vecchi termini e concetti come “territorio”, “ambiente”, “urbanistica”. Sono queste le tematiche affrontate durante il 1° convegno di studi promosso con il patrocinio del Comune di Macerata  dall’Associazione culturale “La Reggia Picena” sul tema della tutela del “Paesaggio identitario di Macerata”.
I relatori, sia pure partendo da diverse posizioni culturali, hanno cercato di indicare le possibili porte per accedere alla comprensione e alla definizione dell’identità culturale del nostro paesaggio, attraverso la riscoperta delle tracce e l’attivazione della memoria storica collettiva. Tutto ciò nella prospettiva di salvaguardare e narrare correttamente le nostre “bellezze identitarie” sia naturali che culturali, intorno alle quali poter immaginare la costruzione di un’alternativa economica all’ormai indebolita “città dei servizi”. In questo senso è stato spiegato anche il significato del sottotitolo del convegno; “dalla distruzione ordinaria alla manutenzione straordinaria”, ricordando la prima e forte denuncia contro la sistematica distruzione dei nostri luoghi storico-identitari fatta nel 1962 da (non a caso) un grande artista locale come l’incisore Giuseppe Mainini (le cui opere sono attualmente in mostra al Bonaccorsi).
Dall’insieme delle considerazioni e riflessioni svolte è scaturita, come prossima iniziativa dell’Associazione, la proposta di una raccolta di firme (già avviata) a sostegno di un piano complessivo per il censimento, la mappatura, il recupero e valorizzazione sia di tutti i fontanili storici di Macerata, sia delle cavità ipogee esistenti nel centro storico e nei suoi borghi. In secondo luogo è stata ribadita la necessità di ripristinare la “commissione per l’ornato pubblico” senza, tuttavia, ripetere l’errore del recente passato caratterizzato dalla “sindacalizzazione” della mai rimpianta commissione edilizia.

(Foto di Lucrezia Benfatto)

 

Iommi cam com_Foto LB (3)

Iommi cam com_Foto LB (2)

Iommi cam com_Foto LB (1)

 

Torresi_Fusari_Foto LB

Iommi_Troscè_Fraticelli_Foto LB

Iommi cam com_Foto LB (4)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X