Simulavano finti incidenti
per truffare le assicurazioni, 15 denunce

CIVITANOVA - Un 49enne residente fittiziamente in città si faceva intestare veicoli circolanti a Napoli per pagare meno e attraverso falsi sinistri fra persone dello stesso nucleo familiare aveva intascato 15mila euro
- caricamento letture
Assicurazione_Auto

Un tagliando dell’assicurazione

 

Il capitano Enzo Marinelli, comandante dei carabinieri della Compagnia di Civitanova

Il capitano Enzo Marinelli, comandante dei carabinieri della Compagnia di Civitanova

Truffa all’assicurazione, denunciate 15 persone. Avevano intascato 15mila euro simulando falsi incidenti e falsificando documenti. I carabinieri della Compagnia di Civitanova dopo sei mesi di indagini sono riusciti a ricostruire la dinamica attraverso la quale operava un soggetto di 49 anni domiciliato in Calabria e fittiziamente residente a Civitanova. Una vera e propria banda di professionisti della truffa, con tanto di attori e finti incidenti, mai verbalizzati dalle forze di polizia. Vittima della truffa un’agenzia di assicurazione nazionale con sede a Civitanova. L’uomo avrebbe attivato quattro polizze assicurative per altrettanti motoveicoli falsificando i loro libretti di circolazione intestandoseli per utilizzare la sua residenza  civitanovese, così da permettere agli effettivi proprietari, tutti con residenza napoletana, di pagare un premio minore rispetto a quello previsto per la Campania. Tra il 2014 e 2015 i veicoli risultano coinvolti in alcuni incidenti stradali, sempre in provincia di Napoli. Coincidenze che hanno insospettito tanto da far avviare le indagini che hanno permesso di evidenziare oltre le false proprietà anche che tutte le persone coinvolte nell’incidente (controparte, testimoni, feriti) altro non erano che conoscenti e parenti tra loro, che hanno testimoniato falsamente la dinamica del sinistro  per ottenere, complessivamente, a titolo di indennizzo o risarcimenti vari 15mila euro, liquidati dall’ufficio assicurativo.  Al termine delle indagini, sono state 15 le persone denunciate a piede libero e il napoletano intestatario fittizio dei motoveicoli, è stato sottoposto anche a perquisizione  domiciliare, in Calabria, dove sono stati rinvenuti ulteriori elementi per la prosecuzione delle indagini, in particolare per altre truffe dello tipo ad altre assicurazioni.  Il 49enne, è stato anche segnalato all’ufficio anagrafe del Comune per la cancellazione.

(l.b.)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X