Addio ad Antonio Gismondi,
presidente di Nuova Salvambiente

LUTTO - Si è spento questa mattina dopo aver lottato a lungo contro una malattia. Avrebbe compiuto 62 anni a settembre. Il funerale si terrà domani, mercoledì, alle 16 nella chiesa della Santa Famiglia a Casette Verdini di Pollenza. Il ricordo della figlia Sara e quello dell'associazione
- caricamento letture
Antonio Gismondi

Antonio Gismondi

 

Lutto a Sforzacosta, questa mattina è venuto a mancare dopo una lunga malattia il presidente di Nuova Salvambiente Onlus Antonio Gismondi. Avrebbe compiuto 62 anni a settembre. E’ stato sempre impegnato nelle battaglie per l’ambiente e la salute, in prima linea contro l’inceneritore del Cosmari oggi chiuso (guarda il video con il suo intervento). Impiegato all’Inps di Macerata, Gismondi era conosciutissimo in tutta la provincia. La camera ardente è stata allestita nella sua abitazione di contrada Cantagallo a Pollenza, dove si era trasferito circa due anni fa. In tanti si stanno recando sul posto per dargli l’ultimo saluto e stringersi attorno al dolore dei familiari. Il funerale si svolgerà domani, mercoledì, alle 16 nella chiesa della Santa Famiglia a Casette Verdini di Pollenza. Lascia la moglie Maria Grazia, le figlie Sara e Silvia e tre nipotini. «Era una persona semplice, umile, che ha dato tanto – ricorda la figlia Sara – Per lui era naturale mettere anima e corpo in ciò che faceva, dare la sua disponibilità incondizionata. Sul lavoro era un punto di riferimento per tutta la regione. Come lo era per l’associazione, a cui si è dedicato senza mai risparmiarsi. Si è sempre sacrificato per gli altri, ed è rimasto vicino alla Nuova Salvambiente anche dopo aver scoperto la malattia, nel gennaio 2015. Non si voleva riposare e continuava a partecipare alle riunioni: diceva che lo faceva per noi, spinto dall’amore e dalla passione per le sue origini e per ciò in cui credeva».

L’associazione lo ricorda con questa nota: «A volte nella vita capita di incontrare delle persone apparentemente semplici, ma che invece riescono a darti qualcosa di incredibile, a trasmetterti valori importanti, ed essere da esempio: una di queste persone è stato Antonio Gismondi. Lo ricordiamo per quello che era: una persona dotata di un grande senso civico ma soprattutto morale. Si esponeva in prima persona per gli altri, senza mai chiedere di farlo al posto suo ma con molta umiltà domandava agli altri se condividevano il suo pensiero, perché sentiva il bisogno di dare credito al pensiero di tutti senza mai imporre il suo. Era una persona che vedeva l’esigenza del cambiamento, guidata dalla passione di chi vuole sforzarsi di fare la cosa giusta. Questa sua passione era guidata dalla visione di un futuro migliore. Per lui “l’attivismo” e “il pensare al bene comune” erano naturali, più naturali che per altri. Alcune persone arrivano a concepire certe passioni solo dopo esperienze particolari e personali e dopo aver capito che qualcosa a cui si tiene profondamente necessita di un cambiamento. Durante la sua vita è riuscito, senza pretenderlo, a riunire insieme le persone in associazioni di volontariato come Salvambiente e Nuova Salvambiente, ottenendo negli anni dei risultati importanti che ha condiviso con tutti e che forse neanche immaginava, facendoci capire che un cittadino può valere più di quanto creda. In tutto questo si può leggere il suo grande senso di cittadinanza, il suo grande senso civico, l’agire improntato alla ricerca della altrui felicità, una felicità condivisa. Antonio era una di quelle persone autentiche e vere che raramente si incontrano nella vita. Si esponeva in prima persona con coraggio ed abnegazione senza mai risparmiarsi ed è un grande vuoto quello che lascia. La nostra motivazione più grande era lui, un’ispirazione per chi lo conosceva, a prescindere dall’età, dai propri mezzi e dalla propria storia. Fonte della nostra passione civile, ma soprattutto umana e morale. Ciao Antonio».

(Servizio aggiornato alle 18,10)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X