Nelle Marche 526 milioni di alberi,
il doppio di 50 anni fa

EARTH DAY - La stima di Coldiretti sulla base dei dati del corpo forestale in occasione della giornata mondiale della terra
- caricamento letture
Foto d'archivio

Foto d’archivio

Le Marche festeggiano l’Earth Day, con 523 milioni di alberi, il doppio rispetto a cinquant’anni fa. Ad affermarlo è la Coldiretti, in occasione della giornata mondiale della terra, sulla base dei dati del Corpo Forestale. Un terzo delle Marche è oggi ricoperto da boschi, con la superficie forestale che, secondo l’inventario 2015, è cresciuta ancora attestandosi a quota 311mila ettari su 937mila totali. La provincia con il maggior numero di alberi è quella di Pesaro Urbino, davanti a Macerata, Ascoli Piceno e Fermo e Ancona. Nonostante ciò, secondo Coldiretti, il potenziale economico delle nostre foreste rimane ancora inespresso. Una soluzione in tal senso potrebbe venire dalla costituzione di consorzi forestali per la produzione di legna e di carbone, oltre che per iniziative turistiche, con la valorizzazione delle risorse della montagna per creare occupazione in loco e frenare lo spopolamento di quelle aree. Una “base” di lavoro è rappresentata in tal senso dalle comunanze agrarie, forme associative mutualistiche ultracentenarie di proprietà collettiva che nella nostra regione gestiscono fino a 70mila ettari di terreni (quasi un decimo dell’intero territorio marchigiano), il più delle volte proprio nelle zone interne e montane. Ma una migliore cura dei boschi è oggi indispensabile anche per contenere il problema del dissesto idrogeologico. Le conseguenze devastanti delle alluvioni che continuano a colpire il territorio marchigiano sono spesso aggravate “a monte” dall’assenza di una politica forestale e di gestione del reticolo idrografico, con grandi quantità di legno e alberi che spesso vengono rinvenuti intorno ai punti critici dei fiumi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X