Un pò di blu per l’autismo,
il Comune aderisce
alla giornata mondiale

CIVITANOVA - Palazzo Sforza si colora, il 2 aprile, per sensibilizzare i cittadini sulla malattia in crescita. Un libro, un convegno e un film per una tre giorni a sostegno delle famiglie coinvolte nella patologia
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Nella foto Gianfilippo Di Benedetto dell'associazione Omphalos, Stefania Cipolletta, Annie Seri, l'assessore ai servizi sociali Yuri Rosati, Patrizia Monti del Paolo Ricci e Valentina Minnucci psicologa

Nella foto Gianfilippo
Di Benedetto dell’associazione Omphalos, Stefania Cipolletta, Annie Seri, l’assessore ai servizi sociali Yuri Rosati, Patrizia Monti del Paolo Ricci e Valentina Minnucci psicologa

di Laura Boccanera

Il Comune si tinge di blu per stare vicino alle famiglie con ragazzi autistici. Sono in aumento infatti i casi trattati in città. L’assessorato ai servizi sociali aderisce per il secondo anno alla giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo e propone una serie di incontri e iniziative in collaborazione con il Paolo Ricci, l’associazione “Omphalos” e “Tutti giorni”. In più la sede del Comune si colorerà di una luce blu il 2 aprile. «I Servizi Sociali – ha spiegato l’assessore Yuri Rosati – da anni sono in prima linea per promuovere iniziative finalizzate alla cultura dell’accoglienza e dell’integrazione delle persone diversamente abili. Lo scorso anno abbiamo aderito alla giornata mondiale dell’autismo illuminando la facciata di Palazzo Sforza di blu, e quest’anno abbiamo organizzato, grazie all’Asp “Paolo Ricci” in collaborazione con le associazioni onlus “Omphalos” e “Tutti i giorni” e la  Scuola di Scrittura e Cultura Poetica ”Sibilla”, una tre giorni affiancando a questo gesto simbolico una serie di eventi ancora più importanti a cui ci auguriamo partecipino molte persone. L’obiettivo è quello di fare di questo appuntamento un giorno fisso affinché tutti gli anni ci sia un incontro sull’autismo». La patologia è in aumento, attualmente sono tre i casi di ragazzi trattati al Paolo Ricci e lo scopo del trattamento è quello di rendere sempre più autonomi i soggetti portatori della malattia e non di chiuderli ancora di più rispetto alla società. «Siamo contenti di questa attività – ha spiegato Valentina Minnucci, psicologa del Paolo Ricci – perché permette anche di far conoscere i diversi livelli di autismo, le difficoltà comportamentali e di linguaggio. Il lavoro di tutti gli operatori mira ad inserire i ragazzi anche nella quotidianità». Il programma inizia venerdì 1 aprile, alle ore 20.45, all’auditorium San Paolo di Civitanova Alta con la proiezione del corto “Il mio amico delle stelle” di Fabio Sidoti e del film “The story of Luke”, vincitore di numerosi premi internazionali, che racconta la storia di Luke, un giovane con la sindrome di Asperger che, dopo la morte dell’amata nonna, si metterà alla ricerca di una propria indipendenza. Seguiranno gli interventi di Stefano Nassini, direttore del dipartimento di salute mentale area vasta 3, di Valentina Minnucci ed alcune testimonianze delle famiglie. Sabato 2 aprile, la facciata di Palazzo Sforza sarà colorata di luci blu, mentre domenica 3 aprile, alla Biblioteca Zavatti, alle 17, si svolgerà la presentazione del libro “Il collaudatore di altalene” di Roberto Marconi, a cura di Umberto Piersanti, direttore della Scuola di Scrittura e Cultura Poetica “Sibilla”.  Il racconto narra la storia di Jacopo, trentenne con un autismo cognitivo e relazionale grave.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X