Vendita Gas Marca,
dipendenti temono di perdere il posto

CIVITANOVA - Domani l'Atac approverà la vendita di quote della partecipata del Comune. Personale pronto allo sciopero: "Non sappiamo nulla del bando, chi garantisce la tutela del nostro lavoro"?
- caricamento letture
I dipendenti di Gas Marca

I dipendenti di Gas Marca

 

di Laura Boccanera

Preoccupazione in Gas Marca per la vendita della partecipata del Comune. Questa mattina i sei dipendenti dell’azienda di vendita e distribuzione del gas hanno voluto sollecitare sindaco e presidenza dell’Atac e scongiurare la perdita dei posti di lavoro. Domani il cda dell’Atac approverà il bando per la vendita dell’azienda come da mandato del consiglio comunale (leggi l’articolo), ma i dipendenti (sei con contratto a tempo indeterminato e cinque collaboratori) sono preoccupati che non vi siano garanzie sufficienti per il mantenimento della governance a livello locale. Diversi in questi mesi gli incontri con Tommaso Corvatta che però non hanno tolto del tutto i dubbi dei lavoratori. «Avevamo chiesto al sindaco di informare il nostro presidente Flavio Rogani – spiega una dipendente – sul bando affinchè fosse parte attiva nella stesura, così da essere sicuri di una tutela maggiore e di un interessamento diretto rispetto alle nostre richieste ed esigenze, invece Rogani in questi mesi è stato estromesso. Attualmente non sappiamo ancora cosa prevederà il bando di vendita». I dipendenti sperano che siano alienate solo il 49% delle quote e che il 51% rimanga in mano pubblica, anche se preferirebbero addirittura un dietrofront sulla vendita tout court: «Nel decreto Madia si parla di riordino delle partecipate e non c’è più l’obbligo di vendita – continua la dipendente – non più dismissioni, ma riorganizzazione, non si capisce allora perchè vendere a tutti i costi quando Gas Marca è una delle poche partecipate che fa utile. A questo punto la questione appare più politica che tecnica o economico-finanziaria». Una preoccupazione che i dipendenti sono pronti a tradurre in sciopero qualora non vedessero soddisfatte le loro richieste.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X