Commissione d’indagine,
Costamagna garantista:
“Non chiederò le dimissioni di Morresi”

CIVITANOVA - Il presidente del Consiglio comunale difende il lavoro dell'organo d'inchiesta sui centri commerciali presieduto dal consigliere che ha ricevuto un avviso di garanzia per la vicenda Civita Park. E a Vince Civitanova dice: "ora che anche Ciarapica è indagato dovrebbero chiedere scusa per i manifesti contro sindaco e vicesindaco"
- caricamento letture

ivo costamagna - civitanova

 

di Laura Boccanera

«Indagato non significa inquisito o colpevole, non chiederò le dimissioni di Morresi dalla commissione d’indagine». E’ garantista Ivo Costamagna e difende sia gli esponenti della maggioranza che quelli dell’opposizione che hanno ricevuto l’avviso di garanzia, ma difende soprattutto la commissione d’inchiesta sui centri commerciali riattivata di recente con gli esponenti del centro destra. E non chiederà le dimissioni del presidente, Claudio Morresi, raggiunto dall’avviso di garanzia e unico indagato nella commissione.

Il consigliere Claudio Morresi

Il consigliere Claudio Morresi

Del tavolo di lavoro e verifica fanno parte infatti Morresi come presidente, lo stesso Costamagna come vicepresidente e i consiglieri Paolo Rachiglia, Mirella Franco e Giovanni Corallini, tutti estranei all’inchiesta della procura di Macerata. Una solidarietà quella di Costamagna che tocca urbi et orbi trasversalmente anche chi, come Vince Civitanova, fece a suo tempo i manifesti con le foto di sindaco e vice invitandoli alle dimissioni in quanto indagati. «Oggi anche Fabrizio Ciarapica, futuro candidato sindaco di Vince Civitanova è stato raggiunto dall’avviso di garanzia, capisco la reazione del sindaco che toccato in prima persona possa essere tentato di riservare lo stesso trattamento, ma come presidente del Consiglio dico che la politica non può fare processi, invito però Vince Civitanova a chiedere scusa, per correttezza dovrebbero farlo». In merito ai lavori della commissione invece il presidente del consiglio dichiara: «nasce per verificare gli atti amministrativi, qualora ravvisassimo anomalie potremmo intervenire a sanare anche a distanza di tempo in esercizio di autotutela.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X