Ipermercato in centro,
raccolte oltre mille firme per dire “no”

MOGLIANO - L'iniziativa nasce da residenti e commercianti. Proteste dall'opposizione per la vendita del parcheggio vicino l'ex ospedale San Michele sul quale è prevista la costruzione dell'area commerciale
- caricamento letture
mogliano ex ospedale san michele 3

Il parcheggio adiacente all’ex chiesa di San Michele dove dovrebbe essere costruito l’ipermercato

 

di Leonardo Giorgi

«Come si può costruire un ipermercato vicino il centro storico di Mogliano?». É l’interrogativo che si pone Tonino Nardi, capogruppo della minoranza “Mogliano bene comune”. Il consigliere si schiera contro la messa in vendita del parcheggio antistante l’ex ospedale San Michele, all’entrata del paese (leggi l’articolo). Raccolte oltre mille firme contro la nuova struttura. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Flavio Zura, con una delibera del gennaio 2016, aveva dato la possibilità ad un eventuale privato di edificare l’area. L’intenzione della giunta è quella di permettere la costruzione di un vasto parco commerciale che avrebbe una superficie stimata di circa mille metri quadrati.

L'ex ospedale San Michele, a Mogliano

L’ex ospedale San Michele, a Mogliano

«Anche se, stranamente, la giunta non risponde alle domande dei cittadini sulla questione, – spiega il consigliere Nardi -, in un incontro con la maggioranza, il sindaco ci confidò l’interesse di un gruppo imprenditoriale per l’ex ospedale San Michele. A Mogliano, tutti sanno dell’imminente bando che verrà pubblicato dalla giunta per la costruzione di un ipermercato. Una struttura che ucciderebbe il commercio del centro storico e che verrebbe costruita in una parte del comune storica, vicino ad un palazzo del ‘500 e le mura del paese». I negozianti e alcuni comitati locali, sostenuti dalla minoranza, hanno già indetto una raccolta firme per convincere l’amministrazione comunale ad impedire il progetto dell’ipermercato. «Più di mille persone – sottolinea Nardi – hanno già firmato per dire no alla costruzione di questa area commerciale, totalmente inutile per Mogliano. Qual è quindi il vero interesse dell’amministrazione? Perché la giunta rimane sorda, evitando il confronto con i dubbi e le paure dei cittadini? Un sindaco dovrebbe tutelare la collettività, valorizzando le eccellenze del proprio territorio e non soffocarle come in questo caso. Per non parlare del fatto – conclude – che l’area in questione, alla fine del primo mandato del sindaco Zura, fu oggetto di un grande intervento di manutenzione e sistemazione dal costo di circa 83mila euro. Soldi pubblici che andrebbero sprecati, se il progetto dell’ipermercato andasse in porto».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X