Richiedenti asilo al lavoro a Recanati

PROGETTO - Affiancano gli operai del Comune nello svolgimento delle ordinarie attività (manutenzione patrimonio, verde e strade
- caricamento letture
rifugiati al lavoro recanati 1

I ragazzi stranieri richiedenti asilo al lavoro

E’ iniziata oggi la serie di lavori socialmente utili che terranno occupati nelle prossime settimane i ragazzi stranieri richiedenti asilo politico, ospiti del territorio e gestiti dal “Gruppo umana solidarietà”. Ogni gruppo di lavoro prevede cinque volontari, che sono affiancati agli operai del comune di Recanati, per collaborare nello svolgimento delle ordinarie attività (manutenzione patrimonio, verde e strade). “Con il progetto- si legge nella nota del Comune – si attua un importante processo di integrazione e collaborazione fra amministrazione e cittadini stranieri poichè questi ultimi non usufruiscono soltanto della logica assistenziale, ma diventano parte integrante di questa comunità, protagonisti attivi. Tutte le attività civili e sociali svolte sono esclusivamente di carattere volontaristico. Le spese per la copertura assicurativa, la divisa da lavoro e la formazione sono state coperte grazie alla collaborazione con il centro di accoglienza Gus.

“L’Amministrazione Comunale, dando il via a questa collaborazione, si propone di realizzare un modello di accoglienza virtuosa e di integrazione verso coloro che sfuggono agli orrori di persecuzioni e guerre – spiega l’assessore alle Politiche Sociali Tania Paoltroni-. Gli stessi migranti coinvolti hanno aderito con entusiasmo consapevoli che l’ozio è fonte di processi non integranti e l’organizzazione del lavoro consente una relazionalità ed una educazione alle regole locali oltre a costituire una disciplina utile per l’inserimento nella comunità cittadina”.

rifugiati al lavoro recanati 2Il sindaco Francesco Fiordomo ha augurato loro il buon lavoro su Facebook: “I ragazzi che scappano da guerre e distruzione e sono ospitati a Recanati hanno iniziato a lavorare per la città. Un progetto di accoglienza e integrazione. Non semplice assistenzialismo ma attività di volontariato per rendere più bella e accogliente la loro città di adozione, almeno per il momento. Buon lavoro e buona vita, ragazzi”

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X