Trent’anni di Liberilibri
dalla carta Rusticus all’e-book

MACERATA - Una storia editoriale del nostro territorio legata al nome di Aldo Canovari, celebrata in questi giorni sulle pagine più prestigiose della stampa nazionale
- caricamento letture

liberi libri 2

liberilibri

 

La casa editrice maceratese Liberilibri compie trent’anni, un traguardo importante che la stampa nazionale sta celebrando in questi giorni sulle più prestigiose pagine culturali. Una storia editoriale, legata al nome di Aldo Canovari, che inizia curiosamente non da un saggio di filosofia politica ma da un libro d’arte, ormai quasi introvabile e fuori catalogo: Chiarevalli. Monodico di Magdalo Mussio, Liberilibri 1986 (23 x 34 cm), un’edizione originale in 555 esemplari stampati su carta Rusticus delle Cartiere Miliani Fabriano, realizzata in collaborazione con la casa editrice romana “Le parole gelate”. Dopo una pausa di tre anni, le pubblicazioni riprendono regolarmente nel 1989. La prima delle sei collane in catalogo a uscire sul mercato è Narrativa, con Teneri Bottoni di Gertrude Stein (ripubblicato in seconda edizione nel 2006). Nell’anno seguente, il 1990, debutta la collana Oche del Campidoglio, che raccoglie contributi rilevanti di ogni tempo per il faticoso cammino delle libertà dell’individuo: il numero uno è il Discorso sul libero pensiero di Anthony Collins, poi ristampato nel 1997.

Nel 1992 viene inaugurata la collana di testi teatrali il Circo, con Il Cantante di camera di Frank Wedekind; nel 2005 debutta la collana Altrove ideata per ospitare, al di fuori delle categorie canoniche, ogni altra espressione del pensiero e dell’arte attraverso parole o immagini: il primo è un libro di palindromi, E poi Martina lavava l’anitra miope di Marco Buratti, poi ristampato nel 2011 in una nuova edizione ampliata col titolo Da E poi Martina lavava l’anitra miope a E poi Martina affoga la goffa anitra miope.

Aldo Canovari

Aldo Canovari

Nel 2007 nasce il Monitore Costituzionale una raccolta di documenti fondamentali, autentici pilastri del costituzionalismo moderno, dalla Magna Carta alle più recenti dichiarazioni dei diritti. Infine, due anni più tardi, nel 2009, viene avviata con la partecipazione dell’Istituto Bruno Leoni la collana Hic sunt leones, che intende dar voce ad alcune inesplorate “eresie” del pensiero liberale e libertario.

Ad oggi il catalogo vanta più di 200 titoli, e il numero delle copie stampate al 31 dicembre 2015 supera le 200 mila. L’autore più pubblicato, con ben 7 titoli, è il romanziere francese Pierre Boulle (autore de Il Pianeta delle scimmie e de Il ponte sul fiume Kwai).

Il best-seller assoluto è Tesla di Margaret Cheney, uscito nel 2006 e giunto nel 2015 alla sesta ristampa, mentre la tiratura unica più alta spetta a I Giornali di Henry James. L’anno con più titoli nuovi stampati (23) e più copie totali stampate è stato il 2008.

Negli ultimi anni, sono stati diversi i riconoscimenti attribuiti alla casa editrice – il Premio Bruno Leoni, IV edizione (2011); il Premio Internazionale Liber@mente, V edizione (2013) – e ai suoi Autori: nel 2014 Giancristiano Desiderio, con Vita intellettuale e affettiva di Benedetto Croce, ha vinto la 47ª edizione del Premio Acqui Storia sezione storico-divulgativa, mentre il poeta anconetano Francesco Scarabicchi, col libro con ogni mio saper e diligentia, è risultato il vincitore della VII edizione Premio di Poesia Città di Arenzano.

Tra i titoli più ristampati: Difendere l’indifendibile di Walter Block (1995, quinta ristampa 2015); La libertà e la legge di Bruno Leoni (1995, quinta ristampa 2010); La tirannia fiscale di Pascal Salin (1996, quarta ristampa 2008); La giustizia virtuosa di Roberto Racinaro (1996, quarta ristampa 2011); Vita intellettuale e affettiva di Benedetto Croce di Giancristiano Desiderio (2014, quarta edizione 2015); Dieci donne di Marco Severini (2012, terza edizione 2013).

Nella top-five dei volumi più recensiti negli ultimi dieci anni figurano nell’ordine Dieci donne. Storia delle prime elettrici italiane di Marco Severini, Vita intellettuale e affettiva di Benedetto Croce di Giancristiano Desiderio, Difendere l’indifendibile di Walter Block, Giustizia relativa e pena assoluta di Silvia Cecchi, e For Good and Evil. L’influsso della tassazione sulla storia dell’umanità di Charles Adams.

Nel 2012 sono stati anche predisposti degli e-book: Il pensiero libertario contemporaneo di Carlo Lottieri, Resoconto della vita e delle opere di Adam Smith di Dugald Stewart, America di Paolo L. Bernardini, La tirannia fiscale di Pascal Salin, Il mito virtuista di Vilfredo Pareto, Difendere l’indifendibile di Walter Block; più di recente anche Mover di Michele Silenzi e Beati Possidentes di Fabio Massimo Nicosia (in via di realizzazione).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X