Riforma nullità matrimoni,
la Cem conferma il tribunale di Fermo

La conferenza dei vescovi marchigiani dopo le novità introdotte da papa Francesco sulla giurisdizione delegata alle diocesi ha deciso di mantenere l'attuale assetto
- caricamento letture
Don Mario Colabianchi, vicario giudiziale del tribunale ecclesiastico regionale

Don Mario Colabianchi, vicario giudiziale del tribunale ecclesiastico regionale

Una normativa che era rimasta invariata per tre secoli. Il processo per le nullità matrimoniali è stato riformato lo scorso settembre da papa Francesco (leggi l’articolo). La principale novità è l’affidamento del giudizio al vescovo o ad un suo delegato e una maggiore celerità del processo. La riunione dei vescovi della Conferenza Episcopale Marchigiana di ieri ha riguardato proprio il tribunale ecclesiastico regionale Piceno ed eventuali tribunali diocesani e inter diocesani alla luce del motu proprio Mitis Iudex Dominus Iesu, con l’audizione del vicario giudiziale don Paolo Scoponi. Al termine i vescovi hanno deciso, in attesa di ulteriori necessarie comunicazioni da parte della Santa Sede, di mantenere per ora il tribunale regionale di Fermo tuttora regolarmente in funzione, ed hanno ribadito “la volontà di corrispondere a quanto è più a cuore Papa Francesco affinché chi abbia vissuto un fallimento matrimoniale senta, nella prossimità il conforto della misericordia di Dio”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X