Esplosione bombola di gpl,
indagati imprenditore e dipendente

CORRIDONIA - La procura di Macerata ha chiuso le indagini per la morte di Antonio Mercuri. Devono rispondere di omicidio colposo sia il 24enne Jacopo Ilari che era al lavoro la mattina della tragedia che Antonio Lazzarini, legale rappresentante della ditta proprietaria dell'impianto
- caricamento letture

ESPLOSIONE_METANO_SARROCCIANO-CORRIDONIA9

L'auto del 43enne dopo l'esplosione

L’auto del 43enne dopo l’esplosione

Esplosione all’impianto di metano di Sarrocciano, chiuse le indagini, indagati dipendente e legale rappresentante della ditta proprietaria dell’impianto. Devono rispondere di omicidio colposo per la morte del 43enne Antonio Mercuri che la mattina dello scorso 6 agosto è rimasto vittima dell’esplosione di una bombola di gpl che era andato a riempire all’impianto. In un primo momento il pm Stefania Ciccioli aveva iscritto nel registro degli indagati solamente Jacopo Ilari, il 24enne di Petriolo che lavorava all’impianto nel periodo estivo ed era presente la mattina in cui è morto Mercuri (leggi l’articolo). Secondo la procura Ilari doveva impedire a Mercuri di riempire da solo la bombola di gpl. Ed era stato proprio nel compiere questa operazione che la bombola era esplosa uccidendo Mercuri (che era morto a causa di un profondo taglio alla gola, conseguenza dello scoppio). Ma il pm Ciccioli, in base a quanto emerso nel corso delle indagini, ha valutato vi possano essere responsabilità anche da parte dell’imprenditore di Morrovalle Antonio Lazzarini, in qualità di legale rappresentante della Metano 96 srl, ditta proprietaria dell’impianto.

Antonio Mercuri, il 43enne morto per l'esplosione

Antonio Mercuri, il 43enne morto per l’esplosione

A lui viene contestato il concorso in omicidio colposo. Secondo la procura Ilari non sarebbe stato adeguatamente preparato per lavorare all’impianto. Entrambi gli indagati ora potranno presentare memorie difensive o chiedere di essere interrogati per dare la propria versione sull’accaduto e difendersi. Mercuri lavorava come capo magazziniere in una ditta di Tolentino. Era sposato con Sara Cacchiarelli e la coppia aveva un figlio di 10 anni. La moglie di Mercuri aveva detto che quella mattina il 43enne era andato a comprare le bombole in vista di una vacanza in camper. Poi la tragedia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X