Appartamento occupato,
l’Erap intima lo sfratto

CIVITANOVA - E' arrivata la diffida a lasciare libera la casa popolare per il 27enne disoccupato che dopo aver speso gli ultimi soldi per il funerale del proprio bimbo, nato morto, ha preso la compagna e si è trasferito in un alloggio di via Quasimodo
- caricamento letture
La palazzina di Via Quasimodo dove risiedono abusivamente i due giovani

La palazzina di Via Quasimodo dove risiedono abusivamente i due giovani

di Laura Boccanera

Entro 60 giorni dovrà lasciare l’appartamento, altrimenti l’Erap procederà allo sfratto. E’ arrivata in questi giorni ad Antonio Re e in copia anche al Comune di Civitanova la diffida a lasciare libero l’appartamento di via Quasimodo che il giovane, un 27enne originario di Taranto, aveva occupato nei mesi scorsi insieme con la compagna. L’uomo infatti, dopo una serie di traversie lavorative ed umane (leggi l’articolo) si è ritrovato senza lavoro e senza la possibilità di pagare regolarmente un affitto e così, dopo aver speso gli ultimi soldi per fare il funerale del proprio bimbo, nato morto, ha preso la compagna e si è trasferito in un alloggio dell’Erap che non era occupato. Attualmente la famiglia vive solo con 200 euro mensili di indennità di disoccupazione di lui e tempo fa la coppia si era rivolta al sindaco per chiedere un aiuto. In questi giorni però l’Erap ha comunicato tramite raccomandata una diffida che annunciava lo sgombero coatto se in 60 giorni la casa popolare non verrà lasciata libera. Questa mattina il 27enne si è recato dal sindaco per chiedere ancora una volta un aiuto. La procedura però è stata avviata e l’iter prevede la possibilità di controdedurre rispetto a quanto prescritto dall’Ente. Nella lettera l’istituto chiede anche un’indennità risarcitoria per l’occupazione illegale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X