Marangoni chiede 800mila euro
per gli ospedali di Cingoli e Recanati

Bocciati i 60 emendamenti presentati dal consigliere regionale all'assemblea legislativa delle Marche che ha approvato il bilancio di previsione 2015
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Enzo Marangoni, consigliere regionale di Forza Italia

Enzo Marangoni, consigliere regionale di Forza Italia

Sono ben 60 gli emendamenti che il consigliere di Forza Italia ha presentato questa mattina all’assemblea legislativa delle Marche, ma che sono stati bocciati  in sede di approvazione del bilancio di previsione. Il Consiglio ha approvato il bilancio 2015 e pluriennale. L’atto è passato con 25 voti a favore, 13 contrari e due astenuti, i consiglieri di Ncd Francesco Massi, che si era astenuto anche sulla legge Finanziaria, e Mirco Carloni, che al momento della votazione sulla Finanziaria non era presente in aula.

Tra questi i sei emendamenti a favore dell’ospedale di Cingoli e i 12 per l’ospedale di Santa Lucia e la tomba di Beniamino Gigli a Recanati.

«Dopo il recente fatto della signora deceduta a Cingoli – spiega Marangoni –  per un prolungamento delle operazioni di soccorso e per l’assenza di personale sanitario notturno adeguatamente specializzato, ho chiesto di stanziare 300mila euro con una specifica nuova voce denominata “interventi per il miglioramento del servizio di Primo Soccorso, per l’adeguamento impiantistico e tecnologico, del personale sanitario e degli standard di ricezione dei pazienti del Punto di Primo Intervento dell’Ospedale di Cingoli”. Basti pensare che a Cingoli le ambulanze non hanno neanche quattro ruote motrici. Il Pd regionale ha decretato la lenta chiusura degli ospedali montani».

Per quanto riguarda l’ospedale di Santa Lucia, Marangoni chiedeva 200mila euro per il punto prelievi, 300mila per il punto primo intervento e 20mila per la tomba di Gigli.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X