Monteverde esalta Libriamoci:
“Un’eccellenza assoluta per la città”

MACERATA - La manifestazione festeggia vent'anni. L'assessore taglia il nastro con Pablo Auladell
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
libriamoci (1)

Il taglio del nastro con l’assessore Stefania Monteverde e Pablo Auladell

libriamoci (2)

Stefania Monteverde e Pablo Auladell

di Maurizio Verdenelli

Libriamoci, festival (maceratesissimo) del Libro Illustrato compie vent’anni. Vent’anni spesi beni. Il suo fondatore, il pluridecorato Premio Andersen (un Dante Ferretti ‘only for children’) Mauro Evangelista un pò di più oppure un pò di meno. Considerato che dei suoi ‘figlì di carta Mauro ha preso l’eterna giovinezza ed una soave levità: la sostenibile leggerezza dell’essere se stesso. Carta, matita, colori e naturalmente Michela, sua moglie, la sua musa ispiratrice sin da quando alcuni anni fa non se le vide comparire la prima volta nel suo studio con una grande cartella sotto il braccio di disegni e lui capì che aveva trovato, in carne ed ossa, il suo personaggio ‘fantasticò da Oscar: non solo Alice ma molto, molto di più naturalmente. E così sfogliando, sfogliando è nato insieme Libriamoci e tutti i successi, forse non abbastanza bene storicizzati a Macerata (vecchia storia). Tuttavia ieri pomeriggio, sotto una pioggerellina fine fine, lungo la piaggia della Torre, davanti agli Antichi Forni c’erano tutti per il taglio del nastro della mostra celebrativa di un ventennio ma che mai è stato tanto poetico e riccamente cromatico. Le forbici sono andate in mano all’assessora alla Cultura, Stefania Monteverde sotto lo sguardo compiaciuto (mai visto un sorriso così da parte sua in tanti anni di cronaca) della prof. Barbara Pojaghi, anche lei assessora ai tempi del sindaco Gian Mario Maulo. Poi gran festa con il sindaco Romano Carancini e bottiglie di spumante fatte scoppiare da quel grande artificiere di bollicine incapsulate che è Enzo Gironella, mentre Simona, Chiara, ed Egidio e la famiglia Del Monte poco più in là erano al centro di un bookshop in tema: quasi una ‘Bottega del Libro’ e una ‘Del Monte’ bis, trasportata negli Antichi Forni. Dove è stata allestita una personale dell’Evangelista spagnolo, il pluripremiatissimo illustratore Pablo Auladell.

libriamoci (3)L’ospite d’onore si è messo a disegnare, poi, finita la cerimonia, tanto per non perdere tempo, seduto alla scrivania dell’accoglienza della mostra. La cerimonia è stata naturalmente doppia, quasi in differita nella sede dell’associazione e della scuola d’Illustrazione ‘Ars in fabulà del prof. Evangelista, a palazzo Compagnoni Marefoschi. Naturalmente la celebrazione dei ventanni (“che dedichiamo sopratutto a bambini e alle loro famiglie, per primi ma c’è spazio naturalmente anche per i grandi, ci mancherebbe” dice Mauro) continuerà fino alle soglie del Natale, il giorno 21 con eventi agli Antichi Forni, a palazzo Compagnoni Marefoschi e a palazzo Buonaccorsi. Di mattina sono in programma visite guidate e laboratori per le scuole, di pomeriggio appuntamenti con: ‘fiabe in galleria’, ‘workshop sulla lettura’ ed ‘incontri con l’autore’ (martedì 9 è in calendario l’incontro con lo scrittore e sceneggiatore Bruno Tognolini, noto autore di libri per ragazzi ed ideatore della Melevisione). Dice la prof. Stefania Monteverde: “I ventanni di Libriamoci sono un’assoluta eccellenza di Macerata, ancora una volta città del libro. Regaliamo a grandi e bambini un tempo speciale per i libri, le illustrazioni, la fantasia. L’amministrazione crede e investe nel Festival del libro illustrato, con la piena fiducia nella direzione artistica di un grande illustratore maceratese, Mauro Evangelista. Il quale sceglie per noi i più prestigiosi nomi dell’illustrazione e con la Fabbrica delle favole coinvolge scuole e famiglie di tutta la regione. E lo facciamo con Nati per leggere e i lettori volontari della biblioteca comunale perché sappiamo che i libri creano buone relazioni tra grandi e bambini”. Il festival è organizzato dal Comune, dalla Fabbrica delle favole, da Macerata Musei, con la partecipazione di varie associazioni (Nati per leggere, ‘Les Friches’, Uollas) e dell’Accademia di Belle Arti di Macerata. “Con Libriamoci collaborano le associazioni con la ricchezza della creatività e le librerie indipendenti che hanno un settore per l’infanzia – dice ancora l’assessora Monteverde – un grande progetto di città di cui andare fieri”.

 

libriamoci (4)

libriamoci (5)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X