Voce alla città: “I mutui da rinegoziare erano solo una manciata”

TOLENTINO - Botta e risposta tra l'amministrazione e la forza di opposizione
- caricamento letture
Paolo Ruggeri, ex consigliere comunale di Voce alla Città

Paolo Ruggeri, ex consigliere comunale di Voce alla Città

di Marco Cencioni

Continua a tenere banco la polemica a distanza fra il movimento politico Voce alla Città e l’amministrazione di Tolentino in merito alla rinegoziazione dei mutui approvata dal consiglio comunale nella seduta di giovedì scorso. Dopo la risposta del sindaco Giuseppe Pezzanesi e dell’assessore al bilancio Silvia Luconi alle critiche mosse dalla Voce (leggi l’articolo), gli stessi esponenti del movimento tolentinate ribattono: “Il sindaco non perde occasione per denigrare chi non la pensa come lui e per lamentarsi di tutto quello che è stato fatto prima del suo “regno”  e neanche Voce alla Città poteva sottrarsi alla sua rampogna. Anziché replicare nel merito alle nostre osservazioni sulla inopportunità di procedere alla rinegoziazione di ben 53 mutui, per il sindaco è più facile e comodo abbandonarsi a considerazioni gratuite come “non abbiamo mai francamente capito cosa volessero fare per la città dal momento in cui non hanno fatto niente”. Ricordiamo sommessamente al sindaco e all’assessore al bilancio che solo grazie alla nostra puntuale presa di posizione, accolta quasi a malincuore dalla amministrazione allora in carica, dalla quale, tanto per ricordarlo, eravamo stati “cacciati” sei mesi prima, furono rinegoziati solo i 20 mutui, rispetto ai 52 iniziali, per i quali si poteva ottenere un tasso di interesse minore rispetto a quanto si stava pagando – sottolineano gli esponenti del movimento – Facciamo rilevare all’assessore al bilancio che se si fosse attenuta a questa semplice regola i mutui che avrebbe potuto rinegoziare sarebbero stati solo una manciata. E già che ci siamo le chiediamo di rendere pubblici i motivi per cui ha aderito alla proposta di Cassa Depositi e Prestiti che, come abbiamo già denunciato, applica tassi di interesse ben più alti di quelli trattati ed offerti sul libero mercato. Vuoi vedere che qualche buona idea – concludono – almeno per le prossime volte, la potrà scovare anche nella testa di quelli che “sono praticamente scomparsi” come affabilmente definiti dal sindaco?”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X