Senza stipendio da 5 mesi:
“Mangio grazie a mia madre”

CIVITANOVA - Dopo la vicenda dell'ex commerciante che si era rivolta alla Caritas per pagare le bollette emerge un secondo caso di una donna con una borsa lavoro della Regione. L'Ente ancora non l'ha pagata. Per non spendere lei si è chiusa in casa e ha sospeso il pagamento del mutuo della casa
- caricamento letture
La Regione Marche

La Regione Marche

di Laura Boccanera

«Sono chiusa in casa per non spendere, rimango blindata, riesco a mangiare solo grazie a mia madre che non mi fa mancare un piatto di pasta». A parlare è una donna civitanovese di 48 anni. A lei è stata assegnata una borsa lavoro della Regione per over 45 a 650 euro mensili ma ancora non è stata pagata. Un secondo caso dopo quello dell’ex commerciante di cui si è occupata recentemente Cronache Maceratesi (leggi l’articolo). La donna non ha mai percepito la mensilità ed è costretta all’assistenza del Comune, dell’anziana madre e a una vita priva di dignità, barricata in casa per evitare di fronteggiare spese ulteriori. La donna racconta di essere disoccupata da tre anni, l’ultimo impiego come commessa in un negozio, poi si è arrangiata svolgendo qualche mansione come assistenza agli anziani o pulizie domiciliari. Il suo Isee annuo è di 3.250 euro. «Ho partecipato al bando per over 45 e dal 24 luglio sono stata assunta in una cooperativa sociale – racconta – ma da allora non ho percepito un euro». La sua odissea fra gli uffici comincia verso settembre quando inizia a muoversi per cercare di capire perché la Regione non liquida le sue spettanze e si imbatte nel tour dell’ufficio di collocamento che cerca di dipanare la matassa, ma sembra che non se ne venga a capo. Dall’ufficio di collocamento la donna cerca di contattare anche la Regione, telefona, manda mail, le viene detto che sarà verificato, ma ad oggi ancora nulla. «Ho il mutuo sulla casa sospeso, temo che presto la perderò, il Comune mi aiuta con contributi e con i pacchi alimentari, se non fosse per mia madre non riuscirei nemmeno a mangiare, me ne sto chiusa in casa come una reclusa».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X