“La molecola di Co2 può essere utile all’industria”

CAMERINO - A Unicam una nuova unità di ricerca del Cnr di cui fanno parte i docenti Unicam Claudio Pettinari, Fabio Marchetti e Riccardo Pettinari
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il professore Claudio Pettinari

Il professore Claudio Pettinari

E’ stata approvata nei giorni scorsi dal consiglio di amministrazione del Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche) l’istituzione di una unità di ricerca dell’Istituto di chimica dei composti organometallici alla Scuola di scienze del farmaco e dei prodotti della salute dell’Università di Camerino. L’unità di ricerca si occuperà di ‘Separazione, immagazzinamento e funzionalizzazione di molecole gassose mediante polimeri di coordinazione e sistemi molecolari estesi’ e, in particolare, di progettazione e realizzazione in laboratorio di sistemi semplici e complessi, in grado di attivare Co2, che, soprattutto a causa delle emissioni di origine antropica, è presente in quantità abbondante in atmosfera. «Da alcuni anni – sottolinea il professor Claudio Pettinari, pro rettore vicario Unicam, docente di Chimica Generale e Inorganica nonché coordinatore della nuova Unità di Ricerca – l’Istituto di chimica dei composti organometallici (Iccom) del Cnr ha uno stretto e proficuo rapporto di collaborazione con il nostro Gruppo di ricerca su tematiche di comune interesse, inerenti principalmente lo sviluppo di materiali polimerici porosi».

«L’attività di studio della nuova struttura di ricerca del Cnr che opererà in  Unicam – prosegue Pettinari – sarà volta a cercare di dimostrare che la molecola di Co2 può essere considerata non solo dannosa per l’ambiente e responsabile di larga parte dell’effetto serra e del conseguente riscaldamento globale del pianeta, ma può costituire una potenziale risorsa per la sintesi di molecole a più alto valore aggiunto come urea, uree sostituite e carbonati organici, che rappresentano importanti materiali di partenza per processi industriali. Uno dei principali obiettivi che ci proponiamo di raggiungere è, dunque, la comprensione dei meccanismi con i quali possono essere realizzati efficienti e stabili sistemi catalitici da utilizzare nei processi di attivazione di Co2 e efficienti materiali per lo stoccaggio e l’assorbimento selettivo di gas di rilevanza ambientale e industriale. Siamo molto orgogliosi per questo ulteriore successo del nostro Ateneo che favorirà un proficuo scambio di dottorandi e ricercatori, una progettazione anche europea comune e l’impiego di sofisticate strumentazioni». Dell’unità di ricerca fanno parte i docenti Unicam Claudio Pettinari, Fabio Marchetti e Riccardo Pettinari, oltre a numerosi dottorandi ed assegnisti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X