Il bello di Macerata negli scatti
di Andrea Del Brutto

Un viaggio fotografico nei luoghi più suggestivi della città, immortalati dal poetico obiettivo di un grande appassionato
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

(Guarda in alto la galleria fotografica)

I giardini Diaz

I giardini Diaz

 

Andrea Del Brutto

Andrea Del Brutto

 

di Matteo Zallocco

Un hobby: la fotografia. Un soggetto: Macerata. La bellezza che nasce dalla semplicità della natura e dai luoghi storici della città. Una città meravigliosa quella immortalata da Andrea Del Brutto, dipendente dell’Enel, con una grande passione per la fotografia. I suoi scatti sembrano dipinti e inquadrano Macerata come una vera e propria opera d’arte. Dai Giardini Diaz a Borgo San Giuliano, da piazza della Libertà allo Sferisterio, ogni luogo assume un qualcosa in più, un qualcosa di magico. Dall’obiettivo di Andrea Del Brutto si vedono forme più lievi, più sfumate che ci portano a guardare in profondità la bellezza di Macerata. Dietro a queste foto non c’è solo la passione, c’è anche un grande lavoro. Questi scatti sono frutto di veri e propri appostamenti «perchè fotografare significa rubare la luce – dice Andrea – Bisogna avere pazienza e aspettare il momento giusto».  Fotografare per immortalare l’attimo fuggente. E una passione che nasce da lontano: «E’ un hobby che coltivo da 45 anni, da quando ne avevo 15 e abitavo in piaggia dell’Università, in pieno centro storico. Macerata, la mia città, è sempre stata il mio soggetto preferito». Per uno scatto Andrea Del Brutto è disposto a fare una pazzia: «Un giorno – racconta – sono andato a Roma solo per fare una foto, avevo studiato la posizione della luna che combinava vicino alla cupola di San Pietro». Un viaggio per uno scatto. E un viaggio con tanti scatti è quello che proponiamo oggi su Cronache Maceratesi. Gli scatti più recenti di Andrea Del Brutto per  ammirare Macerata. Qual è la sua foto più bella? «Quella dei Giardini Diaz e quella del centro storico illuminato dai fulmini sono state le più sofferte e tecnicamente ricercate. La più bella la devo ancora fare».

Fulimi su Macerata

Fulmini su Macerata

Panoramica dalla torre civica

Panoramica dalla torre civica

Borgo San Giuliano

Borgo San Giuliano

Piazza della Libertà dall'alto

Piazza della Libertà dall’alto

Piazza della Libertà dal basso

Piazza della Libertà dal basso

La chiesa di San Filippo

La chiesa di San Filippo

Lo Sferisterio

Lo Sferisterio

Lo Sferisterio di notte

Lo Sferisterio di notte

Teatro Lauro Rossi

Teatro Lauro Rossi

Palazzo Buonaccorsi

Palazzo Buonaccorsi

Nebbia sulla zona di San Francesco

Nebbia sulla zona di San Francesco

Una finestra su Macerata

Una finestra su Macerata

La rotonda dei Giardini Diaz

La rotonda dei Giardini Diaz

La chiesa di San Giovanni

La chiesa di San Giovanni

Piazza Mazzini

Piazza Mazzini

Piazza Vittorio Veneto

Piazza Vittorio Veneto

La stazione

La stazione

Corso della Repubblica

Corso della Repubblica

I fuochi di San Giuliano

I fuochi di San Giuliano

Galleria Scipione

Galleria Scipione

Giardini Diaz

Giardini Diaz

Chiesa San Filippo

Chiesa San Filippo

Il centro storico visto da Corso Cairoli

Il centro storico visto da Corso Cairoli

 

Monumento ai caduti

Monumento ai caduti

Palazzo Buonaccorsi

Palazzo Buonaccorsi

Il nuovo ponte di Villa Potenza

Il nuovo ponte di Villa Potenza

Panoramica dal Convitto

Panoramica dal Convitto

Piazza Battisti

Piazza Battisti

Arena Sferisterio

Arena Sferisterio

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X