Tolentino ha il suo ministro degli Esteri
Il sindaco: “Auguri al concittadino Gentiloni”

LA NOMINA - Grande soddisfazione in città per l'incarico arrivato oggi. E' il cugino del consigliere regionale Francesco Massi, che ricorda: "E' stato il primo renziano d'Italia". Pezzanesi: "Un premio per la sua professionalità e le sue doti umane"
- caricamento letture
Il ministro Paolo Gentiloni in un incontro nella chiesa di San Catervo, a Tolentino

Il ministro Paolo Gentiloni in un incontro nella cattedrale di San Catervo, a Tolentino

 

di Marco Cencioni

Paolo Gentiloni Silveri è il nuovo ministro degli Esteri del governo Renzi. Il politico è di origini tolentinati ed è quindi grande la soddisfazione in città per la nomina del parlamentare alla Farnesina. Gentiloni, 60 anni il prossimo 22 novembre, è il cugino del capogruppo Ncd in Regione Francesco Massi Gentiloni Silveri. Infatti, il nonno di Paolo, Stefano Gentiloni Silveri, era il fratello della nonna di Francesco, Agnese Gentiloni Silveri. La sua famiglia è proprietaria di un palazzo in piazza San Nicola e il nuovo ministro torna molto spesso nella sua casa proprio al centro della città. “Provo tanta gioia ed immensa soddifazione – dice il consigliere regionale – oltre ad essere un cugino illustre è anche un grande amico. E’ stato il primo renziano d’Italia, anche prima di Del Rio – afferma Massi sorridendo – E’ un politico estremamente competente e preparato, gli auguro il meglio per questo nuovo importante incarico”.

Il sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi, appresa la notizia della nomina, esprime tutta la sua soddisfazione per questo nuovo e importante incarico. “Siamo certi che il nostro concittadino Paolo Gentiloni saprà apportare ad un dicastero così difficile, tutta la sua professionalità e le sue doti umane – afferma Pezzanesi – Siamo molto contenti per questa nomina che premia una persona preparata e che trae le sue origini dalla nostra comunità. Al neo ministro Gentiloni i migliori auguri di buon lavoro da parte di tutta la città di Tolentino”.

Il nuovo ministro giurerà alle 18 al Quirinale, davanti al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Sostituirà Federica Mogherini, che da domani assumerà a Bruxelles l’incarico di Alto rappresentante della politica estera dell’Ue e che oggi ha rassegnato le sue dimissioni alla Farnesina. Discendente della famiglia dei conti Gentiloni Silveri – e dunque Nobile di Filottrano, Nobile di Cingoli e Nobile di Macerata – Gentiloni è nato a Roma e si è laureato in Scienze Politiche. Giornalista professionista ed esperto in comunicazione, in gioventù ha militato nel Partito di Unità Proletaria per il comunismo, per poi virare verso posizioni sempre più moderate. Molto sensibile alle tematiche ambientaliste (in passato ha diretto anche il mensile La Nuova ecologia, testata legata a Legambiente, movimento cui è stato iscritto), è stato portavoce di Francesco Rutelli negli anni in cui l’allora presidente de La Margherita era sindaco di Roma e soprattutto assessore al Giubileo e al Turismo. Politico di grande esperienza è tra i fondatori della Margherita nel 2002 e del Pd nel 2007. Eletto in Parlamento dal 2001 è stato anche Presidente della Commissione di Vigilanza Rai tra il 2005 e il 2006. Per lui è un ritorno a Palazzo Chigi, dato che era stato ministro delle Comunicazioni tra il 2006 e il 2008 con Romano Prodi. Prima di ricevere l’attuale incarico era membro della commissione Esteri.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X