“Stop ai furbi delle case popolari”

TOLENTINO - Il convegno, organizzato dalla Lega Nord, affronterà il tema scottante dell'integrazione nel rispetto della legge
- caricamento letture
L'assessore alla sicurezza al comune di Tolentino, Giovanni Gabrielli

L’assessore alla sicurezza del comune di Tolentino, Giovanni Gabrielli

di Marco Cencioni

Case popolari troppo spesso assegnate agli immigrati? Su questo scottante e sempre attualissimo tema verte il convegno – dibattito dal titolo “Casa e servizi sociali: stop ai furbi. L’integrazione passa attraverso il rispetto della legge”, organizzato dalla Lega Nord di Tolentino, in programma per venerdì 31 ottobre alle 21.30 nei locali della Biblioteca Filelfica in largo Fidi a Tolentino. Relatore della serata sarà l’avvocato Marco Sartori, fra i promotori del cosiddetto “modello Voghera” che ha introdotto modifiche sulle modalità di assegnazione dei contributi economici pubblici (pagamento di utenze e social card) per i cittadini extracomunitari. Attraverso questo nuovo regolamento, per accedere agli aiuti pubblici e per essere inseriti nella graduatoria degli alloggi popolari, ora i cittadini extracomunitari non dovranno più produrre una semplice autocertificazione, ma dovranno far sì che questa sia autenticata dalle autorità consolari del proprio paese. Il Dpr 445 del 2000, disciplinante diversi ambiti amministrativi, che tratta anche la formulazione del modello Isee, in cui ne vieta l’autocertificazione, è oggetto di ricorso presentato da emigranti, nei Comuni, come Voghera, in cui il decreto è stato applicato. Proprio un paio di mesi fa, però, il giudice del tribunale di Pavia Donatella Oneto, non ha ravvisato alcuna irregolarità nell’applicazione del nuovo regolamento, che come risultato ha prodotto un drastico calo delle domande da parte dei cittadini extracomunitari. La partecipazione al convegno – dibattito è libera.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X