Si impicca in cella l’imprenditore che uccise due ex operai

ASCOLI - Trovato morto in carcere Gianluca Ciferri, 48 anni. L'imprenditore non ha lasciato biglietti per spiegare il gesto. La procura picena ha aperto una indagine
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

carcere ascoliLo scorso 15 settembre aveva ucciso a colpi di pistola due suoi ex dipendenti, questa mattina Gianluca Ciferri, 48 anni, imprenditore edile di Fermo, si è tolto la vita nella sua cella del carcere di Ascoli. Lì si trovava in seguito all’arresto per il duplice omicidio di Mustafa Neomedim, 38 anni, e Avdyli Valdet, 26, suoi ex dipendenti, originari del Kosovo (leggi l’articolo). Ciferri, stando a quanto emerge, non avrebbe lasciato nulla di scritto per spiegare il gesto compiuto intorno alle 4 di questa mattina nella sua cella. L’imprenditore, dopo aver legato ad una inferriata della finestra una corda fatta di lenzuola e federe, si è impiccato. Ad accorgersi di quanto accaduto i compagni di cella di Ciferri, che però non hanno potuto far nulla per salvare l’imprenditore, che ormai era senza vita. Un dramma, quello dell’imprenditore, legato ai fatti avvenuti a metà settembre quando, davanti alla villetta di Ciferri, in località Molino Girola di Fermo, l’uomo uccise i due operai che vantavano un debito di circa 20mila euro di stipendi arrestati (leggi l’articolo)e che più volte avevano insistito per riavere indietro il denaro. Ciferri, nel corso della convalida dell’arresto, il 21 settembre, disse di aver agito per legittima difesa e che i due operai erano armati di una piccozza. Disse anche di aver sparato per paura. Un dramma, il suicidio dell’imprenditore, che si unisce al dramma della famiglia dei due operai morti. Una storia tristissima che ha sconvolto il Fermano. Sul gesto di Ciferri la procura di Ascoli ha aperto un fascicolo e sarà disposta l’autopsia. L’imprenditore era assistito dall’avvocato Savino Piattoni che lo aveva incontrato giovedì scorso e ha riferito che nel corso del colloquio, che si era svolto in carcere, non aveva notato nulla nel comportamento di Ciferri che potesse far pensare al gesto che ha compiuto nelle prime ore di questa mattina.

(Servizio aggiornato alle 19,50)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X