Selfie di Bugaro con Berlusconi
Massi: “Accelerazione inopportuna”
Ceroni: “Torna? Il Cav è generoso”

Il coordinatore regionale di Ncd si è dimesso ma non si placano le reazioni al gesto
- caricamento letture
Il "selfie" di Bugaro con Berlusconi

Il “selfie” di Bugaro con Berlusconi

Il selfie di Giacomo Bugaro, coordinatore regionale di Ncd con Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, è costato allo stesso le dimissioni, volute dal coordinatore nazionale Gaetano Quagliarello (leggi l’articolo). Queste non sono bastate però a placare il dibattito dei vertici marchigiani di Ncd e Forza Italia. 
Lo stesso Quagliarello ha voluto commentare quanto accaduto utilizzando la sua pagina Facebook.

“C’è chi ha lanciato il concorso ‘torna a casa Lassie’. Chi vuole si iscriva pure, ma sapendo che non è compatibile con l’altra storia che stiamo scrivendo – ha commentato sul social network – O si partecipa al concorso o si vive l’avventura di Ncd”.

Il consigliere di Ncd Francesco Massi

Il consigliere di Ncd Francesco Massi

Secondo il capogruppo in Regione Francesco Massi, da qualche giorno Bugaro aveva manifestato “la sua difficoltà nel continuare a condividere la linea ed il progetto di Ncd” e l’idea di tornare in Fi. Aveva anche accennato alla sua probabile intenzione di rientrare in FI. Il suo incontro con Berlusconi ci ha sorpreso per il metodo e ritengo che tale incontro abbia legittimato la richiesta di Quagliariello. Ho detto spesso a Giacomo Bugaro che non sarebbe stata mai possibile una strategia di riavvicinamento a FI se non fossero cambiati tantissimi comportamenti di FI. (Appoggio al Governo, Primarie, Congressi, Preferenze ecc. ecc.). Per questo anche io ritengo che l’incontro di Bugaro con Berlusconi è stata una accelerazione inopportuna ed intempestiva. Ora, insieme a tanti altri amministratori ed attivisti di NCD delle Marche raddoppierò il mio impegno affinchè la strategia ed il progetto di NCD vada avanti, prima di tutto nell’interesse del paese e poi nel leale sostegno ai nostri Ministri (Alfano-Lupi-Lorenzin) e ai componenti del Governo”.

il coordinatore regionale di Fortza Italia Remigio Ceroni

il coordinatore regionale di Fortza Italia Remigio Ceroni

Intanto sull’altro fronte, il senatore Remigio Ceroni, coordinatore regionale di FI non è sorpreso. “Berlusconi è una persona molto generosa, disponibile nei confronti di tutti, anche di quelli che lo hanno ripetutamente insultato. Quanto a Bugaro,è uno che dorme con un occhio solo, è in costante frenesia”. Ceroni non vede problemi all’orizzonte nel caso “il figliol prodigo” dovesse tornare con Forza Italia, magari con un incarico di vertice proprio nelle Marche: “Berlusconi può decidere come crede. Io sono un soldato semplice, e faccio esclusivamente quello che il presidente mi dice di fare. Sono tranquillo. Le porte del nostro partito sono sempre state aperte, in entrata, e anche in uscita…”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X